Il “Bimbo” ospite nella tua vita. card. Dionigi Tettamanzi


carceri«Qualunque situazione tu stia vivendo, proprio a te annuncio:
c’è un Bimbo che chiede d’essere ospitato nella tua vita! – scrive il cardinale di Milano, Dionigi Tettarnanzi, nella “Lettera ai detenuti” – E’ un piccolo che discende nella tua cella e bussa alla porta dei tuo cuore.
Può sembrarti uno straniero, ma è il Dono di Dio, il Figlio suo Gesù, tuo fratello.
Come capita in tante famiglie, questo è  un Bambino che disturba, che sconvolge, che non fa dormire.
.. Nasce per chiederci ospitalità, per farci diventare uomini  e donne di giustizia, aperti a tutti e mai ostili con nessuno, neppure con lo straniero e il diverso.
Oggi abbiamo bisogno di compiere passi coraggiosi per nuove scelte di vita, e questo Bambino ha tutta la forza di Dio necessaria perché ciò avvenga!

Chi lo accoglie con fede si troverà su sentieri nuovi, si accorgerà di germogli mai visti, si stupirà di compiere miracoli d’amore…
Neppure le sbarre possono essere così dure e violente da impedire la tua rinascita umana e spirituale
».
Card. Dionigi Tettamanzi, Lettera ai detenuti, Natale 2010.

Annunci