03
Feb
11

Pubblicità… Non con il nostro corpo!


La comunicazione commerciale veicola non solo acquisti ma anche comportamenti e stereotipi. Grazie al Protocollo d’intesa firmato tra il ministero delle Pari opportunità e l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria ognuno può dare il proprio contributo per fermare l’abuso dell’immagine femminile.

donne_pubblicita_cambonifem

Vigilare sull’abuso del corpo delle donne nella pubblicità è possibile, ancor di più se a farlo non sono solo le autorità ma anche ogni cittadino. Il Protocollo d’intesa firmato da Mara Carfagna, ministra per le Pari opportunità, e da Giorgio Floridia, presidente di Iap, Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria, promuove l’ascolto delle segnalazioni di utenti di tv e carta stampata, denunciando le rappresentazioni ritenute lesive della dignità della donna o che contengono immagini o atti di violenza.

Grazie al Comitato di controllo, lo Iap verificherà le segnalazioni per far togliere il più rapidamente possibile le comunicazioni pubblicitarie in contrasto con i contenuti del codice. L’attuazione del Protocollo, il monitoraggio, il sostegno e la promozione delle attività previste saranno garantite da un Comitato paritetico, con tre rappresentanti del governo e tre dell’Istituto. «La qualità dei messaggi veicolati dalla pubblicità giova anche agli annunci migliori – spiega Giorgio Floridia –. Quando il giurì censura una pubblicità perché in contrasto con il codice di autodisciplina, i media rifiutano la pubblicità stessa. Ciò ha un effetto inibitorio che tutela i consumatori e interviene prima dell’eventuale sanzione pecuniaria».

Gli obiettivi contenuti nel Protocollo d’intesa riguardano: la promozione dell’adozione da parte degli operatori della pubblicità di immagini e rappresentazioni che non contengono messaggi violenti o di incitazione alla violenza sulle donne. La tutela della dignità della donna, nel rispetto delle pari opportunità, per favorire la diffusione di valori positivi sulla figura femminile. L’invito al mondo pubblicitario a una maggiore attenzione nella rappresentazione dei generi, che sia rispettosa di donne e uomini e coerente con l’evoluzione dei loro ruoli nella società.

Il ritiro di una pubblicità potrà essere fatto in tempo quasi reale, entro 48 ore, riuscendo così a monitorare la comunicazione pubblicitaria nella sua quasi totale interezza. Il tempo medio dall’istanza alla decisione va dai quindici ai venti giorni, la decisione di interrompere una pubblicità ha un’efficacia provvisoria immeditata e definitiva dopo dieci giorni, e le modifiche informali richieste dal Comitato di controllo agli inserzionisti devono essere fatte da due a otto giorni.
da Cambonifem, 31 gennaio 2011

Annunci

1 Response to “Pubblicità… Non con il nostro corpo!”


  1. 6 febbraio 2011 alle 14:06

    Bel blog e bel post davvero =)

    Torniamo a riflettere oggi (e non solo oggi) sulla questione della mutilazione genitale femminile.

    Il corpo di una dea va rispettato.

    La peggiore mutilazione è quella dell’anima, perché per quella non c’è protesi.

    Spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog:

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/06/mutilazioni/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,976 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: