Sale e luce per la qualità della vita (Mt 5,13-16)


Gesù non dice: “Voi dovete cercare di essere”, ma: “Voi siete”. Noi, con la sua adesione a lui nel Battesimo, siamo sale e luce. Ma lo siamo davvero? Quando noi “ci siamo”, quando siamo presenti in un ambiente di vita, qualunque esso sia, si sente? Si vede?

Ascolta il Vangelo di Matteo 5,13-16 - V domenica TO annoA


Voi siete il sale della terra, voi siete la luce del mondo”.

Quando le parole di Gesù sono così chiare è inutile baloccarsi a interpretarle e spiegarle. L’importante è accoglierle e servirsene per un esame sincero e profondo del nostro essere suoi discepoli. Noi, come Gesù, sappiamo benissimo cosa sono il sale e la luce. Sappiamo benissimo, come Gesù, che il sale e la luce non parlano, non predicano, non discutono, ma “sono”, agiscono.
Sappiamo anche benissimo, come Gesù, a cosa servono il sale e la luce. Essi portano qualcosa in più, alzano la qualità, migliorano la situazione. Il sale porta sapore, gusto, bontà. La luce porta… porta tutto. Non serve elencare i suoi benefici, basta ripensare a cosa succede dentro di noi e intorno a noi quando, dopo una situazione anche breve di oscurità, torna la luce… (di don Tonino Lasconi)

Leggi il commento completo al Vangelo

Annunci