Casa sulla roccia… o sulla sabbia? (mt 7,21-27)


Possiamo riassumere le parole “roccia” così: riconoscersi e accettarsi creature, rifiutando ogni tentazione di potere sugli altri, e impegnandosi a costruire con tutti un rapporto di giustizia, di pace, di lealtà, di misericordia, di generosità e gratuità.

pp_vangelo_9domenica_TO_annoA_paoline_h2o_2011

 

“Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia”.
Chissà quante volte abbiamo sentito predicare e commentare queste parole di Gesù, con accorate esortazioni a prenderle per vere. E noi le prendiamo per vere, dando per scontato che, essendo “vangelo”, sono vere. Un’accoglienza scontata, però, rischia di rimanere confinata nel mondo delle intenzioni, o al massimo delle idee, senza diventare progetto concreto di vita. Risparmiandoci perciò un nuovo commento e nuove esortazioni, proviamo a metterci di fronte a esse in atteggiamento critico, per verificare se siano effettivamente vere e affidabili.

Le parole “roccia”.
Intanto, quali sono le parole di Gesù che sarebbero una “roccia” per la nostra “casa”? …

»»» Leggi il commento completo al Vangelo

Annunci

Un pensiero su “Casa sulla roccia… o sulla sabbia? (mt 7,21-27)

  1. Vivere la Sua Parola nel quotidiano, guardando bene quali sono le scelte e le decisioni che orientano la mia vita. Verrò giudicata non sulle parole MA sui FATTI.

I commenti sono chiusi.