Credere e amare = felicità


Madre Teresa di Calcutta - credere -amare

 

 

«Soltanto due cose
servono alla felicità:
credere e amare ».
Charles Nodier

 

 

Avere fiducia.
Suona un po’ come una massima,
o un segreto di vita.
Avere fiducia nel proprio destino,
avere fiducia negli altri,
«continuare a crederci»
come si usa dire oggi.
In fondo credere non è altro che amare.
E amare non è altro che credere.
Quando pronunciamo queste parole:
«lo ti amo», potremmo dire anche
«lo credo in te».
Non possiamo amare qualcuno
se non riponiamo in lui la nostra fiducia.
E possiamo lottare per una causa
soltanto se la sposiamo,
se ne amiamo la grandezza,
l’intento o la rotta.
Sì, credere e amare
sono i due verbi più attivi della vita.
Sono quelli che, in ogni caso,
premono, turbano, ritornano,
foggiano, aprono, ampliano
gran parte di ciò che è nell’intimo delle nostre vite.

cf F. Garagnon, Terapia per l’anima, Paoline

Annunci