Rinunciare… per aprirsi alla pienezza


marchelab_ancona_logo

 

«Quale mirabile ricetta di felicità
saper rinunciare».

Victor Jacquemont

 

 

 

Qualcuno ha detto:
«Sono ricco dei beni di cui posso fare a meno».
Verità paradossale,
certo, da accostare a un’altra verità:
la vera povertà non è la privazione ma l’invidia.
Finché il nostro cuore è pervaso
dall’invidia, dalla bramosia, dalla gelosia
o dal desiderio di accaparramento,
esso non può aprirsi alla pienezza.
Finché siamo prigionieri
dell’avere e del calcolo,
non possiamo percepire in noi
la sensazione di libertà
e quindi
gustare il sapore della felicità:
Accontentiamoci sempre
di ciò che abbiamo.
Non accontentiamoci mai
di ciò che siamo.
Questo è un modo per far coincidere
il desiderio di felicità con il dovere di coscienza.

Annunci