La freschezza dello sguardo


«Ritrovare la freschezza dello sguardo,
dimenticare ciò che si crede di sapere,
comportarsi di fronte agli esseri umani e alle cose
come se li si vedesse per la prima volta».
André Frossard

117019_1583424_24gen60_9658809_mediumTutti abbiamo in noi un «fanciullo spirituale».
Non il fanciullo storico che siamo stati (e che non siamo più),
ma una specie di eterno bambino,
che ci abi­tua alla meraviglia,
ci suggerisce di abbandonarci ai grandi slanci,
alle grandi aspirazioni,
alle grandi temerarietà.
D’altro canto,
perché l’infanzia
è un periodo così importante della vita?
Perché, nella sua freschezza,
credere e amare costituiscono
eser­cizi naturali tanto quanto respirare
o mettere un piede davanti all’altro camminando.
Riportiamo lo spirito dell’infanzia
al cuore delle nostre vite.
E le nostre vite palpiteranno con il cuore!

F. Garagno, Terapia per l’anima, Paoline 2010

Annunci

Un pensiero su “La freschezza dello sguardo

I commenti sono chiusi.