26
Gen
12

“Sto bene anche senza dio». ma siamo sicuri?”


fede_giovani_socialnetworkAlcuni giorni fa, durante un incontro, un vescovo ha raccontato ai presenti che, nello svolgimento delle visite pastorali, ha inserito la visita alle scuole, sia quelle pubbliche di ispirazione cattolica che quelle pubbliche statali. La visita consiste in un incontro con i docenti ed il personale ed un incontro con gli alunni. In una scuola superiore durante il dialogo con gli studenti, un ragazzo, raccontava il vescovo, ha fatto la seguente affermazione: “io sto bene così, non ho bisogno di Dio”.

Credo che a tutti, come a me, sia capitato di ascoltare, parlando con un amico non credente, questa espressione “Io sto bene così, non ho bisogno di Dio”; in classe, a scuola, durante l’ora di religione, molti giovani si esprimevano così; sollecitati da questa affermazione probabilmente ci siamo sforzati di dire qualcosa a questa amico, qualcosa sul bisogno di Dio, sull’importanza della fede nella nostra vita.

E’ giusto argomentare sul bisogno di Dio ma credo sia altrettanto interessante soffermarsi sulla prima parte dell’affermazione “io sto bene così”. Cosa vuol dire “stare bene”, e come è possibile “stare bene” davvero. Se dovessi chiedere a me stesso se “sto bene”, la risposta sarebbe “no, non sto bene!”. Come posso “stare bene” quando so che qualcuno “sta male”, quando persone che conosco soffrono e che famiglie intere vivono situazioni di enorme dolore; come posso star bene quando la vita mi ha permesso di essere vicino a genitori segnati dal suicidio di un figlio o a giovani sposi feriti dalla malattia di un coniuge. Come posso “stare bene” quando nel mondo dei giovani c’è ancora la droga. In questi giorni ho incontrato la sofferenza di una nonna con una nipote anoressica e quella di un fratello con una sorella colpita da malattia psichica. Come posso dire “sto bene” quando ho una grande gioia nel cuore e non riesco o non posso o non voglio comunicarla a chi è triste. Come posso dire “sto bene” quando ho una tremenda sete d’amore che nessuno riesce a saziare.

L’inquietudine è parte della vita di chi crede e di chi non crede, ma Dio è speranza, Dio si rende disponibile a curare la nostra inquietudine, a dissetare i cuori, a regalare pace e conforto a tutti con la sua semplice presenza.

La presenza di Dio è un dono che, per essere accolto, ha bisogno della nostra disponibilità, della nostra umiltà, del nostro “sì”.

Don Nicolò Anselmi, gmg2011.it, 25 gennaio 2005

don.nico@libero.it

Annunci

2 Responses to ““Sto bene anche senza dio». ma siamo sicuri?””


  1. 1 Lucetta
    27 gennaio 2012 alle 11:47

    Mi unisco a Giada che ha espresso benissimo quello che è il mio pensiero. Se in gioventù qualche volta ho pensato che potevo fare a meno di Dio, con l’andar del tempo mi sono resa conto che SOLO LUI POTEVA SODDISFARE LA MIA FAME E LA MIA SETE .
    Lucetta

  2. 26 gennaio 2012 alle 17:20

    Sai qual è il fatto? Che quel ragazzo pensa di essere perfettamente e totalmente in controllo della propria vita, per questo non si rende conto di aver bisogno di Dio.
    Fin quando va tutto più o meno bene, pensiamo di bastare a noi stessi.
    Siamo ciechi alla sofferenza altrui, pensiamo che sì… magari ci dispiace, ma che non possiamo aiutare tutti (e la triste conseguenza è che non aiutiamo nessuno).
    Ma arriverà il giorno in cui, in modo doloroso ma salutare, un evento, una persona, una frase faranno comprendere a quel ragazzo che lui collabora al dispiegarsi della sua vita. Ma non è Dio.
    E’ un Io, sì. Una creatura, creata per uno scopo d’amore.
    Ma non è il Creatore.
    E allora si arrabbierà, e piangerà e scalpiterà…
    ma alla fine guarderà in sè e si troverà di fronte all’Amore.
    E, a quel punto, la sua libertà sceglierà se abbracciarlo oppure no.
    Io ero come quel ragazzo.
    E oggi la mia libertà è in un SI’.

    Dio la benedica 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

gennaio: 2012
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,976 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: