L’Humour… un salutare istigatore all’umiltà


la «gentilezza della disperazione».

«La giornata più sprecata è quella in cui non si è riso».
Nicolas Chamfort

vignette_27_ok1Lo humour e
è un esercizio di igiene mentale
che dovremmo praticare in modo rituale,
come la cura del corpo.
Anche riguardo ad argomenti seri,
perché si dice rappresenti
la «gentilezza della disperazione».
È un modo di sdrammatizzare
la nostra percezione del mondo
e la nostra riprovevole tendenza
ad amplificare i problemi.
Lo humour
ci protegge dall’orgoglio e dal rigore di giudizio,
dall’ossessione di sé, dall’eccessiva severità,
dalle irritabilità premature
e dagli sbalzi d’umore inopportuni.
È un incomparabile «collante» sociale
e un salutare istigatore all’umiltà e alla saggezza
di fronte alle tribolazioni di questo mondo.
È forse in questo senso che André Charlier,
che fu un pedagogo esigente,
non mancava di sottolineare:
«Per un mondo che si annoia a morte
nulla mi sembra più altamente educativo di una farsa:
è anche un esercizio spirituale
quasi altrettanto efficace degli Esercizi di sant’Ignazio,
per disporvi nello stato di grazia».
F. Garagnon, Terapia per l’anima, Paoline

Annunci