Con Gesù sulla via del dolore e dell’amore


Via Crucus per ragazzi

Una Via crucis per sperimentare ed entrare nell’amore di tutta la Trinità per noi e condividere la gioia che Gesù dà a Dio Padre di riaverci come figli. La consegna ai ragazzi del disegno di ogni stazione permetterà di comporli a forma di croce e di riportare gli impegni che si realizzano in Quaresima.

Layout 1

Presentazione
Questa Via Crucis intende aiutare i ragazzi e tutti a cogliere e a entrare nell’amore immenso che Dio Padre, Gesù e lo Spirito Santo hanno per noi, tanto da realizzare una storia di salvezza lunga già quattro millenni (da Abramo a noi) e il cui centro e compimento è Gesù. Egli, principio di tutte le cose, da sempre generato da Dio Padre, accetta non soltanto di farsi uomo per condividere la nostra natura umana, ma perfino di farsi carico dell nostro peccato e delle sue conseguenze che si abbattono su di lui sotto forma di disprezzo, calunnie, violenze, percosse, sputi… e, infine, con la crocifissione e la morte. Egli, l’Innocente, prende su di sé tutta la nostra cattiveria, per liberarcene e consentirci di guardare di nuovo con fiducia a Dio come nostro Papà.
Un gesto di amore?
Diciamo una vita di amore che va al di là di ogni misura e di ogni immaginazione e desiderio umano; espressione di magnanimità, misericordia, volontà di rigenerarci… Gesù, con il dono della sua vita, dà al suo Papà la gioia di riaverci come figli. Questa è anche la più grande felicità che noi possiamo dare a Dio: riconoscerci suoi figli e affidarci a lui, nostro Padre. Sentiamo, in questo percorso, lo sguardo di amore di Dio Padre e di Gesù per noi e per tutta l’umanità, e lasciamoci guardare, per diventare anche noi espressione del loro amore.

Indicazioni per la preghiera
• All’inizio di ogni stazione si proclama:
– Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo.
– Perché con la tua croce hai redento il mondo.
• Si possono consegnare ai ragazzi, a ogni stazione che si medita, il disegno relativo.
• In seguito compongono i disegni in forma di croce e nel retro di ognuno disegnano o scrivono gli impegni realizzati in Quaresima.
Canto: L’ora della notte (F. Buttazzo, I giorni di Pasqua, Paoline)

1. GESÙ È CONDANNATO A MORTE

spq_01_via_crucis_attanasio_sussidi_paoline_2012Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 26,63-64.66)
Il sommo sacerdote gli disse: «Ti scongiuro, per il Dio vivente, di dirci se sei tu il Cristo, il Figlio di Dio». «Tu l’hai detto», gli rispose Gesù… E quelli risposero: «È reo di morte!» .
1L. Gesù sta per iniziare l’ultimo suo percorso, quello del «compimento dell’amore per noi». Coscientemente si è diretto verso Gerusalemme, «indurendo la sua faccia» (Lc 9,51), e, ora, non ha paura di dire la verità circa la sua identità, pur sapendo che, in tal modo, darà il motivo per la sua condanna. Non si tira indietro perché è disposto ad assumersi il nostro peccato, le nostre cattiverie e violenze, per redimerci.
2L. Preghiamo, dicendo insieme: Gesù, abbi pietà di noi.
• Gesù, perdonaci se, per egoismo, trattiamo male gli altri.
• Gesù, perdonaci se siamo pronti a condannare.
• Gesù, perdonaci perché non siamo capaci di amare come ami tu…

»»» vai al testo completo
di M. Rosaria Attanasio, in Catechisti Parrocchiali n. 3 – Marzo 2012

 

Annunci