06
Apr
12

Ritornare al “lassù” per salvare il “quaggiù”


Domenica di Pasqua -  Anno B

E’ necessario che i cristiani facciano risuonare forte il messaggio di Pasqua: “Fratelli, se siete risorti con Cristo… rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra”. Che non vuol dire dimenticare la terra, ma viverla con gli occhi verso l’alto, perché se la crisi è stata causata dalle cose di quaggiù, non potrà essere risolta soltanto con le cose di quaggiù.

Letture: At 10, 34a. 37-43; Sal 117; Col 3, 1-4; Gv 20, 1-9

pasqua_risurrezione_annoB_liturgiaNon c’è giorno, non c’è giornale, non c’è telegiornale che non ci parlino della crisi che avanza, che sembra si avvii verso la soluzione, che poi invece torna minacciosa. Sono ormai anni che non si parla altro che di crisi. Di crisi di lavoro, di consumi, di soli soldi, quindi. Ovviamente! Sta diventando angosciante. Anche perché, quando si esce fuori dalle dichiarazioni e si entra dentro la vita concreta delle famiglie e delle persone, ci si rende conto che la crisi è vera; che sempre più famiglie fanno fatica a mettere insieme il pranzo (per lo meno il pranzo di qualche anno fa) con la cena (per lo meno con la cena di qualche anno fa).
E poi arriva la Pasqua, che inevitabilmente parla di gioia, di speranza, di fiducia, di sofferenza che non è mai cieca e ottusa perché è come il seme che marcisce per portare frutto. E’ inevitabile domandarsi che senso può avere sentire in chiesa questo messaggio rassicurante, mentre in casa prevalgono e preoccupano sentimenti contrari. Quasi quasi verrebbe voglia di parlare di crisi anche in chiesa, per non dare l’impressione che il messaggio cristiano cammini sopra la testa della realtà. Invece no! Mai come in questo periodo di crisi, e in questo tipo di crisi, è necessario riaffermare e rafforzare il messaggio della Pasqua, perché “questa” crisi è particolare. Essa nasce infatti dal punto di arrivo di una speranza praticamente illimitata, quasi religiosa, nel mercato, nel soldo, che avrebbe assicurato la felicità su questa terra senza bisogno di nessuna felicità “altra”. Questa fiducia sta crollando perché la crisi è stata causata proprio dalla ricerca ossessiva e ottusa delle “cose della terra”, delle cose di quaggiù: dalla bramosia di guadagni esagerati, e da tutto ciò che essa si porta appresso.
Non sarà facile ripartire verso l’alto, perché, almeno finora, sembra che le soluzioni alla crisi vengano ricercate soltanto riguardando verso il quaggiù, cioè riequilibrando in qualche modo il giro del denaro, togliendone un poco (pochino!) a chi ne ha troppo, e molto a chi ne ha già poco. E’ necessario perciò che i cristiani facciano risuonare forte il messaggio di Pasqua: “Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra”. Che non vuol dire dimenticare la terra, ma viverla con gli occhi verso l’alto, perché se la crisi è stata causata dalle cose di quaggiù, non potrà essere risolta soltanto con le cose di quaggiù.
Come far risuonare l’annuncio pasquale?
»»» leggi il testo completo

Annunci

0 Responses to “Ritornare al “lassù” per salvare il “quaggiù””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

aprile: 2012
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,917 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: