27
Lug
12

Condividere per moltiplicare (Gv 6, 1-15)


17a Domenica – Tempo Ordinario – Anno B

Tutto ciò che tratteniamo per noi impedisce il miracolo della moltiplicazione, perché il rifiuto di condividere con i fratelli ciò che abbiamo, per quanto piccolo sia, significa pretendere che Dio sia Padre per noi e patrigno per gli altri.

Letture: 2 Re 4,42-44; Sal 144; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15

mani_condivisioneIn questa domenica la liturgia ci fa pregare con un salmo, riassunto nell’invocazione: “Apri la tua mano, Signore, e sazia ogni vivente”, che riprende la strofa centrale: “Gli occhi di tutti a te sono rivolti in attesa

e tu dai loro il cibo a tempo opportuno. Tu apri la tua mano e sazi il desiderio di ogni vivente”.
Se prendiamo l’affermazione del salmista e l’invocazione che la riassume in senso puramente spirituale, nessun problema. Se invece, stimolati dalla prima lettura e dal vangelo, le caliamo nella realtà, dove milioni di persone muoiono di fame o non hanno il cibo, né materiale né spirituale, sufficiente per una vita decorosa, allora non possiamo evitare, anche se ci sembra irriverente e quasi blasfemo, un interrogativo: “Con tanta gente che non ha da mangiare come si può dire che Dio dà il cibo a ogni vivente?”.

Non dobbiamo mai avere paura degli interrogativi e dei dubbi che la fede suscita. Dobbiamo affrontarli umilmente ma coraggiosamente, altrimenti la nostra fede non sarà mai adulta e consapevole.

Proviamo perciò a confrontarci con la parola di Dio che questa domenica ci propone.

Certo, a noi piacerebbe che il Signore fosse sempre pronto a moltiplicare il pane, così il problema della fame del mondo sarebbe risolto, e noi ce ne potremmo stare tranquilli davanti ai nostri piatti ricolmi d’ogni bene. Ma non è così. Perché il Signore moltiplichi il pane è necessario che noi superiamo la nostra logica per entrare in quella sua.

La nostra logica è espressa in maniera molto chiara dal servitore di Eliseo che guarda ai “venti pani d’orzo e grano novello”, esclamando: “Come posso mettere questo davanti a cento persone?”; e dai discepoli Filippo e Andrea che constatano: “Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo”, e “C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?”.

Sia il servo del profeta che i due discepoli guardano alla realtà con la logica umana, senza aperture verso quella di Dio. Perciò concludono che non si può. Chissà quante volte anche noi abbiamo ragionato così, tirandoci in dietro di fronte a impegni verso i quali non ci sentivamo all’altezza, a prove che ritenevamo superiori alle nostre forze, a situazioni che ci interpellavano, ma che sentivamo sproporzionate alle nostre possibilità?

Eliseo e Gesù non ragionano così

»»» vai al testo completo

Annunci

0 Responses to “Condividere per moltiplicare (Gv 6, 1-15)”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,917 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: