21
Set
12

L’amore più difficile: servire (Mc 9,30-37)


25a Domenica – Tempo Ordinario – Anno B

Noi, cristiani di oggi, comprendiamo e pratichiamo l’insegnamento di Gesù: “Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti”, oppure abbiamo paura di … prenderlo sul serio? Se lo rifiutiamo, rifiutiamo lui…

LETTURE: Sap 2,12.17-20; Sal 53, Gc 3,16-4,3, Mc 9,30-37

Gesù comunica in maniera esplicita ai suoi amici più stretti lo scopo della sua vita: donarsi per la salvezza di tutti: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà».

Loro non capiscono, e “hanno timore di interrogarlo”, cioè di chiedere spiegazioni.

Perché mai, visto che altre volte non avevano avuto problemi a chiedere spiegazioni (Mc 4,10; 7,17)?

Il fatto è che non vogliono capire, perché intuiscono una realtà difficile da accettare e hanno paura della risposta: “Se la fine del Maestro fosse davvero quella sta dicendo, che senso avrebbe averlo seguito, lasciando famiglia, lavoro e amici? Se finisse ucciso, che vantaggio avremmo ricavato da questa storia? Sì, dice che risorgerà. Ma che significa? Meglio non chiedere niente, e sperare che voglia, come altre volte, spaventarci per mettere alla prova la nostra fede in lui”.

Così non chiedono niente e si mettono a parlare di ciò che capiscono benissimo: “chi tra loro fosse il più grande”.

Gesù, per tentare di far passare un messaggio così ostico al cuore e al cervello dell’uomo, che cioè servire è meglio che farsi servire, e che servire può significare anche dare la vita per gli altri, si siede (cioè entra nel ruolo solenne di maestro) e ripete loro ciò che tante altre volte ha cercato di far comprendere: “Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti”. Poi, per dare più forza alle sue parole, crea una scena, un’immagine: “Preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato”.

Niente da fare! Dopo pochi giorni, Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, tra l’indignazione degli altri, cercheranno di scavalcare la fila, assicurandosi i primi posti (Mc 10,35-45).

A Gesù non rimarrà che un ultimo tentativo: inginocchiarsi davanti a loro – lui, il Maestro – e lavare loro i piedi, proclamando: “Vi ho dato un esempio perché voi facciate come io ho fatto a voi” (Gv 13,15).

Noi cristiani di oggi comprendiamo e pratichiamo l’insegnamento di Gesù, oppure abbiamo paura di … prenderlo sul serio?

Domanda retorica! Per la Chiesa nel suo insieme, e per i cristiani singoli, queste parole di Gesù – che altro non sono che l’espressione più alta del comandamento unico: amatevi come io vi ho amato – sono state e sono l’ostacolo più difficile alla fedeltà al Maestro.

Basta guardare la storia, e basta guardare l’oggi, anche nei piccoli segnali che sfiorano il ridicolo: i titoli (reverendo, monsignore, arciprete, arcivescovo, eccellenza, eminenza, santità…); i vestiti con le diverse tonalità per distinguere il grado; la foggia dei cappelli, e… i comportamenti sicuramente non da servitori di tutti.

“E sì! Aiutare gli ultimi è duro ma con un po’ di impegno lo si fa. Ma mettersi all’ultimo posto…

>>> leggi il testo completo

Annunci

0 Responses to “L’amore più difficile: servire (Mc 9,30-37)”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

settembre: 2012
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,917 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: