Signore, senza di te non possiamo fare nulla


di Carlo Maria Martini

 

casa sulla roccia«Senza di te
non possiamo fare nulla»
Noi non sappiamo nutrirci,
non sappiamo nutrire,
non sappiamo dare risposte convincenti e solide.
Signore, senza di te non possiamo fare nulla,
senza di te noi rischiamo di mangiare vento
e di dar da mangiare ciò che non nutre.
Senza di te siamo pescatori vuoti.
Tu ci hai fatti pescatori di uomini
ma la nostra rete è vuota,
la tiriamo e ritiriamo su con gesti faticosi
e, alla fine, all’ora dei conti,
non ci resta che rispondere alla tua domanda:
Avete qualcosa da mangiare?
No, Signore, non l’abbiamo.
O Signore, donaci di entrare
nella sofferenza della tua Chiesa
che esperimenta la propria povertà,
così come l’hanno esperimentata i primi discepoli!
Fa’ che l’esperienza della nostra povertà
non diventi motivo di amarezza o di critica,
ma di costruzione
come lo è stata per gli apostoli.
Signore, abbiamo costruito sulla sabbia
senza di te,
ma con te
noi costruiremo sulla roccia.
I nostri sforzi erano inutili perché ci mancavi tu.
Se tu sei con noi,
siamo certi che cammineremo per sentieri giusti,
che darai abbondanza alla nostra vita.

Cardinale Carlo Maria Martini

Annunci

Un pensiero su “Signore, senza di te non possiamo fare nulla

I commenti sono chiusi.