Gesù è il nostro re (Gv 18,33-37)


«Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce». Gv 18,37

gesu-davanti-a-pilatoGesù è re
proprio per il fatto di essere venuto
a rendere testimonianza alla verità.
Che cos’è la verità di cui qui si parla?…
È ciò che è uno,
ciò che è pienamente compiuto,
ciò che è fedele e sicuro,
ciò che viene da Dio,
ciò che egli deve svelare,
ciò la cui venuta in questo mondo di tenebre
possiede ancora una storia,
ciò che non esiste se Dio non lo rivela…

È di questa verità,
di questa attività divina
e di questa realtà rivelata che qui si tratta.
E Gesù dice:
Poiché rendo testimonianza a questa verità,
io sono il re di questo mondo.
Ma per comprendere questa parola
dobbiamo ricordare che Gesù è consapevole
di essere personalmente questa verità
venuta nel mondo.
Poiché egli è presente,
poiché il Figlio è presente, con la sua purezza,
poiché la sua innocenza è apparsa,
poiché il suo amore si è rivelato fino alla croce,
la verità di Dio è presente e si manifesta.
K. Rahner, Omelie bibliche

Annunci