A Natale regaliamoci tempo e affetto


 

Approfittando della crisi, piuttosto che rimettere nell’offerta di un oggetto le nostre attenzioni, alle persone che amiamo potremmo donare attenzione, aiuto, conforto: fa bene al cuore e non costa nulla.

montagna_famigliaSi avvicina il Natale e come consuetudine si parla di acquisti e di corsa ai regali, seppure gli slogan di strenne e presenti costosi somiglino sempre di più ad echi lontani e paradossali, date le ristrettezze economiche di buona parte delle famiglie. Quello che sembra spaventare maggiormente è l’eventuale tristezza dei bambini che in un periodo di festa potrebbero dolersi di non ricevere ciò che desiderano in dono. I mezzi di comunicazione, inoltre, ci spaventano continuamente, trasmettendo il messaggio che il Natale al tempo della crisi, senza ricchezza, opulenza e prosperità, sarà difficile e austero.

Ma non stiamo dimenticando che la festa del Natale non è propriamente un momento di sfarzo e si festeggia in ricordo e venerazione di un momento solenne avvenuto in una mangiatoia? Il periodo dell’anno in cui si ricorda la nascita di un bambino che, nonostante la sua regalità divina, nasce in uno dei luoghi più umili di un villaggio di pastori, probabilmente non ha alcuna attinenza con ricchezza e scintillii di metalli preziosi. E festeggiarlo in modo più sobrio non ne ridurrebbe l’importanza e la forza.

Riconsiderando, infatti, il significato della ricorrenza del Natale, si giunge alla conclusione che l’importanza della festa non è data dalla quantità di cibo presente o dal numero di regali ricevuti; una festa è tale quando esula dalla consuetudine, quando è possibile stare insieme, trascorrerla con i propri cari, circondati dall’amore della propria famiglia. Indubbiamente il prossimo sarà di un Natale inconsueto, che ci offre l’opportunità di pensare al dono come ad un’offerta spontanea e volontaria di sé piuttosto che allo scambio di oggetti.

Pensiamo a quanta serenità e felicità sia possibile diffondere passando più tempo con le nostre famiglie e i nostri cari, invece di sperperare ore preziose in fila per confezioni regalo. Potremmo pensare ad un periodo di festa in cui, piuttosto che dissipare energie preziose a caccia di regali, potremmo utilizzare le nostre risorse per donare il nostro tempo. Piuttosto che rimettere nell’offerta di un oggetto le nostre attenzioni e il bene che portiamo dentro per i nostri cari, si potrebbe donare loro direttamente la nostra attenzione, il nostro aiuto, il nostro conforto. Se regalare qualcosa significa mettere a disposizione dell’altro qualcosa che è mio, perché dovrebbe essere meno prezioso esplicitare il proprio affetto, donare il proprio ingegno e offrire la propria disponibilità?

emil20nolde20-20christ20and20the20childrenSpesso proprio in riferimento ai bambini si assiste a dibattiti sui giochi educativi e sulla loro qualità; tuttavia giocare da soli non favorisce lo sviluppo della mente, nonostante il gioco di ultima generazione. I più piccoli, infatti, imparano con maggiore facilità nel rapporto e nello scambio con l’altro. L’uomo è un individuo sociale e ha bisogno degli altri per sopravvivere, sviluppare le proprie competenze e verificare i propri traguardi. Quale miglior momento di una festa, della festa della natività, per celebrare i propri figli, la propria famiglia e l’amore caritatevole che proviamo verso gli altri?

Spesso nei nostri articoli viene ribadito quanto sia potente l’abbraccio ed il sostengo dei propri cari; in alcuni casi il miglior presente potrebbe essere costituito dall’offerta del proprio tempo, mettendo a disposizione il proprio talento per iniziative benefiche, per non lasciare soli gli anziani e coloro che soffrono. Il Natale che ci apprestiamo a vivere probabilmente sarà più difficile e avrà bisogno di più iniziativa, di ingegno e di tanto amore e partecipazione perché sia un momento di grande gioia e di festa, ma questo non ci spaventa, ci unisce e ci libera. Per fortuna arriva Natale! Auguri.
di Angela Dassisti romasette.it, 5 dicembre 2012

Annunci

Un pensiero su “A Natale regaliamoci tempo e affetto

  1. Hai ragione. Sarebbe bello poter dire a tutti coloro che si aspettano un pensiero da noi “TI OFFRO IL MIO TEMPO ED IL MIO AFFETTO!!!!” Lo accetterebbero? Alcuni sì, altri no.

I commenti sono chiusi.