02
Feb
13

Giornata per la Vita, oltre la crisi


Giornata per la vita 2013

Si celebra domenica 3 febbraio e ha per tema il rapporto tra crisi economica e crisi demografica. Siamo andati in Emilia per vedere cosa è successo durante e dopo i giorni del sisma.

da famigliacristiana.it

«Non è forse un segno di incertezza la grave difficoltà nel “fare famiglia”, a causa di condizioni di precarietà che influenzano la visione della vita e i rapporti interpersonali, suscitano inquietudine e portano a rimandare le scelte definitive e, quindi, la trasmissione della vita all’interno della coppia coniugale e della famiglia?», si chiedono i vescovi italiani nel loro messaggio per la 35^ Giornata nazionale per la Vita, che verrà celebrata in tutta Italia domenica 3 febbraio (clicca qui per leggere il messaggio). E se una prima risposta – anche in chiave di proposta politica in vista delle prossime elezioni politiche – consiste nel non «richiedere ulteriori sacrifici alle famiglie che, al contrario, necessitano di politiche di sostegno, anche nella direzione di un deciso alleggerimento fiscale», la vera chiave è, secondo i vescovi, il «bisogno di riconfermare il valore fondamentale della vita, di riscoprire e tutelare le primarie relazioni tra le persone, in particolare quelle familiari, che hanno nella dinamica del dono il loro carattere peculiare e insostituibile per la crescita della persona e lo sviluppo della società».
Simona Beretta, docente di Politica Economica presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, in riferimento al rapporto crisi economica-mancanza di figli di cui parla il messaggio dei vescovi, ha commentato:«Generare figli e produrre ricchezza si somigliano molto perché sono decisioni tipicamente umane che investono tutta la nostra libertà, entrambe richiedono persone interessate al futuro, capSaci di sostenere dei rischi e di creare legami durevoli, di essere pienamente come ci ha fatti il Creatore, cioè, appunto, “creative”». Fattore decisivo per “mettere su” famiglia e impresa, in due parole, occorre voler giocarsi la propria vita, andare dietro a quel desiderio di pienezza che ci abita.
Non mancano qui i tanti segni di solidarietà che accompagnano la nostra esperienza quotidiana, fra cui molto significativo, quello della vicinanza in occasione del grave terremoto dell’Emilia.

Antonella Diegoli, presidente del Movimento per la Vita dell'Emilia Romagna (foto Tosatto).Cogliendo questo prezioso riferimento, Famiglia Cristiana ha dedicato questa settimana il servizio di copertina proprio all’esperienza degli aiuti che si sono sviluppati intorno ai Centri di Aiuto alla Vita dell’Emilia Romagna. «Il terremoto ci ha fatto scoprire che fra gli uomini esistono legami forti, soprattutto quando condividono un obiettivo comune», ha detto a Famiglia Cristiana Antonella Diegoli, presidente del Movimento per la vita regionale, che coordina una quarantina di realtà a servizio della vita nascente. «Il terremoto è come un’onda che non esce più da te, soprattutto per una donna incinta che ha paura di perdere il suo bambino mentre nel cuore della notte tutto all’improvviso cade a terra e i muri si aprono». Sono così scattate subito due iniziative: «Un pronto soccorso emozionale per aiutarle a gestire le loro emozioni e l’impianto di un ecografo per “far vedere” i loro bambini alle donne che, a causa dello stress emotivo, non li sentivano più».
«Siamo scappati subito tutti fuori casa», racconta Lisetta Spinelli, 41 anni, sposata con Davide e 6 figli di cui l’ultimo, Leo Maria, nato a un mese dal terremoto (nella foto della cover i due genitori e l’ultimo nato). La famiglia abita a poche centinaia di metri dall’epicentro del sisma. «La pancia ormai si era abbassata e ogni momento poteva essere quello buono per partorire: ho pregato Dio che non fosse quella notte». La casa non ha subito danni, a parte molti mobili rovesciati e suppellettili cadute a terra. «Passata la sorpresa delle prime scosse ho cercato di gestire con calma la mia maternità, mi sono rifiutata di lasciare il paese e di darla vinta al terremoto. Abbiamo dormito per diverse notti in un camper che ci hanno prestato», dice Lisetta, che ha poi partorito un mese dopo Leo Maria in modo avventuroso: nel viaggio verso l’ospedale con il marito Davide ha fatto un incidente stradale, per fortuna senza gravi conseguenze per nessuno. «Ho subito capito che il bambino era vivo, avevo solo il braccio rotto». Il secondo nome del piccolo Leo Maria lo ha voluto proprio lei subito dopo il parto per ringraziare la Vergine di aver protetto lei e la sua famiglia numerosa in quelle settimane travagliate.

Stefano Stimamiglio, famigliacristiana.it, 2 febbraio 2013

Annunci

0 Responses to “Giornata per la Vita, oltre la crisi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,976 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: