20
Mar
13

papa Francesco semplice ma concreto: le Paoline Buenos Aires


«Bergoglio è una persona profondamente umana, di grande fede e preghiera. Un pastore che punta all’essenziale e al concreto, e si sforza di attuare ogni forma di "integrazione". Non si perde in chiacchiere: da un orecchio ascolta la parola di Dio e dall’altro le necessità della gente, soprattutto degli ultimi. Penso sia un dono speciale per tutta l’umanità». (suor Anna Maria Killing, superiora provinciale delle Figlie di San Paolo di Buenos Aires)

 

foto_bergoglio_paulinas_01_2942368Buenos Aires, Argentina
In pochi giorni Papa Bergoglio ha conquistato la Chiesa e il mondo. Semplici e decisi, infatti, i suoi primi gesti pubblici: ha saldato personalmente il conto della struttura che lo ha ospitato prima del Conclave, si è rifiutato di utilizzare la vettura di ordinanza, ha pregato la Madonna a Santa Maria Maggiore, nelle celebrazioni ufficiali ha preferito togliersi la mitria da solo e parlare spesso a braccio, aggirando molte rigide formalità previste dal protocollo. Segnali inequivocabili che hanno rapito il cuore di tutti, delineando i tratti di un uomo fuori dal comune.

«Non potrebbe non essere così», commenta entusiasta suor Anna Maria Killing, superiora provinciale delle Figlie di San Paolo di Buenos Aires. «Bergoglio è una persona profondamente umana, di grande fede e preghiera. Un pastore che punta all’essenziale e al concreto, e si sforza di attuare ogni forma di "integrazione". Non si perde in chiacchiere: da un orecchio ascolta la parola di Dio e dall’altro le necessità della gente, soprattutto degli ultimi. Penso sia un dono speciale per tutta l’umanità».

La religiosa e quasi tutte le sorelle della comunità paolina locale hanno conosciuto il Papa personalmente. Suor Franca Orizio, una delle poche italiane missionarie in Argentina, ci aiuta a tradurre le loro commosse testimonianze: «Vederlo vestito di bianco ci ha davvero sorpreso e riempito di gioia. Ma, allo stesso tempo, ci ha fatto capire la grande responsabilità che si è caricato sulle spalle».

Non si fa fatica a cogliere nei loro occhi una luce particolare. I verbosi racconti di ciascuna si intrecciano abilmente come in un grande romanzo, si fondono nel tempo e creano atmosfere nuove: «Qui a Buenos Aires, papa Francesco è noto per la sua grande umiltà. È solito prendere i mezzi pubblici, come l’autobus e la metropolitana, per spostarsi da un luogo all’altro, senza farsi troppi problemi. Scrive o risponde personalmente agli auguri di Natale e Pasqua. E poi, con tutte le persone che lo avvicinano si mostra sempre molto affabile, sincero, accogliente e pieno di fiducia».

«In situazioni difficili, calcate da un’acuta sofferenza», prosegue un’altra sorella, «come, per esempio, il devastante incendio che nel 2004 distrusse la discoteca Cromañon togliendo la vita a oltre 200 giovani, Bergoglio ha voluto accompagnare i parenti passo dopo passo in questo doloroso cammino».

«Di sera», aggiunge suor Anna Maria, «era solito uscire dalla curia per incontrare le persone che dormono "sulla strada" e così aiutare i  gruppi di appoggio a dar da mangiare a queste persone». Altri episodi accomunano più da vicino la vita del nuovo pontefice a quella delle religiose, chiamate dal Beato Giacomo Alberione ad annunciare il Vangelo con i più celeri mezzi della comunicazione: «Grazie a Bergoglio abbiamo ricevuto l’imprimatur per la nostra serie di catechismi. In più occasioni ha anche accolto le nostre richieste di aiuto per la diffusione del Vangelo. E una volta ci disse: "Voi non fate rumore, però lavorate"».

In un’altra circostanza, durante un incontro con tutte le religiose argentine, si rivolse loro con queste parole: «Non siate topi di sacrestia, uscite, andate fuori, la dove c’è ingiustizia…».

Un ricordo estremamente toccante, infine, è custodito nella memoria dell’esplosiva suor Giuliana. È una cara amica delle Figlie di San Paolo di Buenos Aires, svolge il suo apostolato in una mensa dei poveri e in più di un’occasione ha preparato i pasti del Papa: «Durante la Settimana Santa di qualche anno fa, ero di turno alla mensa dei poveri», spiega la religiosa. «Mancava poco all’inizio del pranzo, quando ad un certo punto vedemmo arrivare il cardinale Bergoglio. Prima di avviare il pasto, compì un gesto eccezionale: lavò i piedi di tutti gli ospiti della mensa. Erano davvero tanti. Ma lui non batté ciglio, lasciandoci di stucco».

Simone Bruno, da famigliacristiana.it, 20 marzo 2013

Annunci

2 Responses to “papa Francesco semplice ma concreto: le Paoline Buenos Aires”


  1. 21 marzo 2013 alle 13:10

    Concordo pienamente nel riconoscere che Papa FRANCESCO è un doo speciale per tutta l’umanità.

    • 21 marzo 2013 alle 15:58

      Che ventata di Spirito Santo!
      Ciao Lucetta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

marzo: 2013
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.444 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

🍳🌽🍅 Pensiero di San Bernardo scelto da don Domenico, monaco cistercense dell'Abbazia di Casamari (FR) e conduttore  su Tv2000 assieme a Virginia Conti di Quel che passa il convento... 🛒 INFO e ACQUISTO »» https://goo.gl/7YTKe6 #Paoline #paolinestore 📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 271,667 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: