24
Mag
13

Per non essere "cristiani da salotto" (Gv 16,12-15)


Santissima Trinita’ – Feste e solennità – Anno C

Il mistero della Trinità, che celebriamo in questa domenica, è un invito alla meraviglia, alla contemplazione, alla testimonianza di un cristianesimo capace di “volare alto”.

Letture: Pro 8,22-31; Sal 8; Rm 5,1-5; Gv 16,12-15

trinita-corfu

Se ci mettessimo a ragionare su come può Dio essere Uno in Tre Persone, sarebbe un brutto segno, e dovremmo chiederci seriamente se non rientriamo in quella categoria di cristiani che papa Francesco ha indicato in maniera lapidaria: i “cristiani tiepidi” cioè “cristiani da salotto", educati, ma che non sanno fare figli alla Chiesa con l’annuncio e il fervore apostolico”.
Di fronte a un’opera d’arte straordinaria, a un panorama particolarmente bello, a una persona di eccezionale bellezza fisica o morale, parlare, commentare, spiegare non serve, non aggiunge niente, anzi dà fastidio. Se rimaniamo senza parole davanti alle creature, figuriamoci davanti al creatore, che ci si manifesta nella sua misteriosa immensità come Padre, Figlio, Spirito Santo.

Davanti a Dio, comunità d’amore, l’unico atteggiamento è l’adorazione, la trepidazione, la meraviglia, il silenzio, un insieme di sentimenti che il linguaggio biblico chiama il timore di Dio, che, purtroppo, nella nostra lingua suscita interpretazioni errate perché il timore viene identificato con la paura.

Senza il timore di Dio, la fede rischia di rimanere tiepida, di non scaldare la vita, perché ricca di nozioni e pratiche, ma povera di convinzioni. La prova: per troppo tempo abbiamo creduto di poter educare alla fede puntando sulle nozioni e sulle esortazioni morali. Il risultato lo stiamo constatando amaramente ogni giorno: un popolo come quello italiano di lunghissima tradizione cristiana, considerato naturalmente e profondamente cristiano, è permeato da una corruzione generalizzata e ammorbante. E’ penoso e difficile ammetterlo, ma siamo come quei giramondo che non si perdono un museo e una città d’arte, senza portare niente di quella bellezza nella loro vita, perché l’hanno lasciata scorrere davanti agli occhi, chiacchierando, senza interiorizzarla.

L’adorazione vera e profonda di Dio non può non cambiarci. Mormorare, trepidando, davanti a lui: “O Signore, Signore nostro, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra!”, ci porta necessariamente a continuare con il salmista: “Quando vedo i tuoi cieli, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissato…, che cosa è mai l’uomo perché di lui ti ricordi, il figlio dell’uomo, perché te ne curi? Davvero l’hai fatto poco meno di un dio, di gloria e di onore lo hai coronato. Gli hai dato potere sulle opere delle tue mani, tutto hai posto sotto i suoi piedi”.

“Mi hai fatto poco meno di un dio…”.
Interiorizzare questa consapevolezza spinge necessariamente a “volare alto”…

>>> vai al testo completo


0 Responses to “Per non essere "cristiani da salotto" (Gv 16,12-15)”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


La bella notizia

Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

maggio: 2013
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.442 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201 Un sabato mattina in Piazza San Pietro In volo tra cielo e terra. Che emozione ogni volta! Che dono la creazione!
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 249,126 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: