13
Set
13

Il Padre misericordioso e il terzo figlio tra le righe (Lc 15, 1-32)


24a Domenica – Tempo Ordinario – Anno C

Il Padre misericordioso. Parabola tanto scontata eppure sempre nuova, capace di scuotere le coscienze “addormentate”. Oggi siamo invitati a soffermarci sul “terzo figlio”. Sì, il terzo figlio! Quello che non compare nelle righe, ma tra le righe è presentissimo.

Letture: Es 32, 7-11. 13-14; Sal 50; 1 Tm 1, 12-17; Lc 15, 1-32

padre_misericordioso_marnotratnyLa parabola del padre misericordioso (smettiamola di chiamarla “del figlio prodigo”, perché il protagonista è il padre con il quale il racconto inizia e finisce, ed è chiaramente colui che muove tutta la vicenda) è talmente conosciuta e talmente bella che rischia di diventare un brano poetico per la nostra ammirazione. Non può e non deve essere così, perché il vangelo non è per l’ammirazione, ma per la nostra conversione.

Questa parabola, poi, proprio per essere tanto bella e tanto conosciuta, può finire nel cestino della assuefazione, del “questa la so”, dentro al quale perde ogni capacità di farci riflettere e di scuoterci. Cerchiamo di evitare questo rischio, leggendola in profondità, puntando la nostra attenzione e la nostra riflessione sul terzo figlio.
“Il terzo figlio? Ma i figli non sono soltanto due?”.
Sì, il terzo figlio! Quello che non compare nelle righe, ma tra le righe è presentissimo.

Il terzo figlio, di età non ben definita – potrebbe essere più giovane o più grande del primo, e anche più giovane o più grande del maggiore, quindi praticamente di qualsiasi età (l’età di ciascuno di noi!)-, non ha mai chiesto al padre di andare via di casa con la sua parte di eredità. Prendere una decisione così drastica e coraggiosa non fa per lui. Sarebbe rischiosa, e non gli va di rischiare. Lui si accontenta di qualche fughetta ogni tanto, senza farsi accorgere, tornando a casa di nascosto, come se non fosse successo niente. Ogni tanto gli capita di sperperare qualcosa delle sue sostanze in modo poco accorto e qualche volta poco dignitoso. Però, mai niente di tanto grave. 

Il terzo figlio non è nemmeno come il maggiore. Anche lui di età non ben definita – potrebbe essere più giovane o più grande del primo, e anche più giovane o più grande del maggiore, quindi praticamente di qualsiasi età (l’età di ciascuno di noi!) -. Il terzo figlio non si sente un servo del padre come il secondo, ma nemmeno lui ha confidenza filiale: tante idee del padre e altrettante suoi desideri gli sembrano esagerati, e perciò, quando può pensa e fa come gli pare. Però, mai niente di tanto grave. Non ha il coraggio di chiedere capretti o altro per fare festa con gli amici – potrebbe dirgli di no e ci rimarrebbe male -, e allora, appena possibile, si arrangia come può. Di nascosto. Però, mai niente di tanto grave.

Cosa pensa il terzo figlio del fratello giovane ritornato a casa? …
Cosa ne pensa il terzo figlio del secondo, del maggiore?…

»»» vai al testo completo

Il Padre misericordioso–Parabole per bambini

0 Responses to “Il Padre misericordioso e il terzo figlio tra le righe (Lc 15, 1-32)”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


La bella notizia

Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

settembre: 2013
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.442 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201 Un sabato mattina in Piazza San Pietro In volo tra cielo e terra. Che emozione ogni volta! Che dono la creazione!
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 249,126 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: