Le DONNE sulla VIA dolorosa (Luca 23,27-34)


Preghiera per il tempo di Quaresima

Sulle strade di Gerusalemme, Gesù è condotto verso il luogo «detto del Cranio» che in ebraico si chiama «Golgota». Lo segue una grande massa di popolo e di donne

canto: Nostra gloria è la croce (di Marco Frisina, in Settimana Santa, Paoline Audiovisivi)

Dal Vangelo secondo Luca (23,27-34)

Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui.

Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: "Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: "Beate le sterili, i grembi che non hanno generato e i seni che non hanno allattato".

Allora cominceranno a dire ai monti : "Cadete su di noi!" , e alle colline: "Copriteci!" . Perché, se si tratta così il legno verde, che avverrà del legno secco?".

Insieme con lui venivano condotti a morte anche altri due, che erano malfattori.
Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. .Gesù diceva: "Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno". Poi dividendo le sue vesti, le tirarono a sorte.

Dal libro: Gesù e le donne, di Ferruccio Parazzoli, Paoline

1 DONNE. Più tardi avremo tempo di piangere per noi. Non mancheremo neppure di versare lacrime sui nostri figli.
Più tardi, quando discenderemo da questo colle ormai sole e vuote, per sempre ridestate dal nostro sogno di libertà.
Adesso vogliamo fare soltanto quello che ognuna di noi ha imparato a fare attraverso i secoli di violenza e di orrore: accompagnare il suo corpo là dove verrà distrutto, piangere la sua dolce forma di uomo che scomparirà per sempre e, come ogni altra forma di uomo, non avrà mai più l’eguale sulla terra.
Il nostro corpo è infatti unico e irripetibile.
Come dunque non piangere qualcosa che non comparirà mai più… (continua)

Breve spazio di sielnzio con sottofondo musicale adatto

Canto: Nostra gloria è la croce (ritornello)

2. DONNE.  La guancia destra è enfiata.
Il gonfiore si estende e aumenta fra il naso, la guancia e le labbra.
Il naso è fratturato nella parte superiore e piega lievemente a sinistra.
L’arcata del sopracciglio destro è gonfia.
Anche il labbro inferiore e la parte sinistra del mento sono gonfi.
Su tutto il corpo le quaranta tracce appaiate della lunghezza di un pollice.
Tracce di flagellazione con fruste o verghe si allargano a ventaglio sui fianchi.
Le spine della corona hanno forato un gran numero di capillari, e il sangue scorre copioso dalla fronte e dalla nuca… (continua)

Breve spazio di sielnzio con sottofondo musicale adatto

Canto: Nostra gloria è la croce (ritornello)

VERONICA. Ho voluto asciugare dal tuo volto tutto quel sangue, come si fa con un bambino che torna a casa la sera, sudato, dopo aver giocato sotto il sole.  Questo è tutto.
Dimenticatemi pure, che importa?
A voi non piacciono le storie che si tramandano fra di noi, gente semplice.
Le trovate troppo rozze, esagerate, fonte di superstizione.
In una parola: pericolose.
Avete imparato anche voi a strapparvi le vesti, a difendere l’onore di Dio come se Dio avesse bisogno di voi per difendere il proprio onore… (continua)

Breve spazio di silenzio in adorazione di Gesù sulla croce

PREGHIERA: Adorando la croce

Signore Gesù,
con le donne che ti hanno seguito
sulla via della crocifissione,
ti adoriamo insieme sulla croce,
segno della nostra salvezza,
Ti chiediamo umilmente perdono per noi,
per il nostro venir meno alla tua Parola nella vita.
Ti chiediamo perdono a nome di quanti
non hanno la forza o il coraggio di riconoscerti
Presenza viva nella loro vita.
Signore, non sempre capiamo di quanta gioia e quanta pace
Il nostro cuore sarebbe colmo
se sapessimo fidarci pienamente di TE
e amare  senza “se” e senza “ma” “fino alla fine”
come ci ami Tu… (continua)

»»» vai al testo completo

Annunci