La forza di Dio è la pazienza (Mt 13,24-43)


16a Domenica – Tempo Ordinario – Anno A

Noi vorremmo far piazza pulita dei malvagi e dei disonesti e l’insegnamento di Gesù sulla pazienza ci spiazza; ma come figli di un Padre che ama tutti, possiamo imparare da lui a combattere il male con il bene

Letture: 1Sap 12,13.16-19; Sal 85; Rom 8,26-27; Mt 13,24-43

zizzania.liturgia_14C’è un’affermazione sempre più in voga sulla bocca di autorità di ogni ordine e grado: “Tolleranza zero!”.

Contro chi evade le tasse: “Tolleranza zero!”. Contro i corrotti: “Tolleranza zero!”. Contro i mercanti di morte: “Tolleranza zero!”. Contro le processioni devote ai mafiosi: “Tolleranza zero!”. Contro chi inquina l’ambiente: “Tolleranza zero!”. Contro coloro che guidano in stato di ebbrezza: “Tolleranza zero!”…

In questo contesto, l’invito di Gesù a lasciare crescere la zizzania insieme al grano sembrerebbe da gettare nel dimenticatoio. Ma è così? Se si guarda ai risultati, proprio no, perché questo furore a volere fare piazza pulita dei malvagi e dei disonesti, appare soltanto una pietosa illusione, e forse anche un inganno, infatti “la zizzania” (i figli del maligno) e “il diavolo che la semina” continuano a infestare il grano, non di rado proprio con il concorso di quelli che: “tolleranza zero”.

Vedi la sconsolante e inarrestabile sequenza di “pezzi grossi” pescati furtivamente a seminare zizzania nel solchi della vita politica,economica, sociale che proclamano di volere ripulire. Certo! La proposta di Gesù: “Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura”, ci spiazza. Ma questo accade sempre di fronte alla logica di Dio, che Gesù ci manifesta.

I salmi della Bibbia sono pervasi dall’invito a Dio a distruggere i malvagi: “Con arroganza il malvagio perseguita il povero: cadano nelle insidie che hanno tramato!…  Sorgi, Signore Dio, alza la tua mano!… Spezza il braccio del malvagio e dell’empio” (Salmo 10). Le nostre preghiere, i nostri “salmi”, di fronte a fenomeni di male particolarmente preoccupanti, si esprimano, protestando: “Perché Dio non fai niente?

»»» vai al testo completo

Annunci