Archive for the 'Anno Paolino' Category

17
Mar
13

Camminare, edificare, confessare, Omelia di Papa Francesco

SANTA MESSA CON I CARDINALI 14 marzo 2013

 

papa_francesco_e_cardinaliIn queste tre Letture vedo che c’è qualcosa di comune: è il movimento. Nella Prima Lettura il movimento nel cammino; nella Seconda Lettura, il movimento nell’edificazione della Chiesa; nella terza, nel Vangelo, il movimento nella confessione. Camminare, edificare, confessare.

Camminare.
«Casa di Giacobbe, venite, camminiamo nella luce del Signore» (Is 2,5). Questa è la prima cosa che Dio ha detto ad Abramo: Cammina nella mia presenza e sii irreprensibile. Camminare: la nostra vita è un cammino e quando ci fermiamo, la cosa non va. Camminare sempre, in presenza del Signore, alla luce del Signore, cercando di vivere con quella irreprensibilità che Dio chiedeva ad Abramo, nella sua promessa.

Edificare.
Edificare la Chiesa. Si parla di pietre: le pietre hanno consistenza; ma pietre vive, pietre unte dallo Spirito Santo. Edificare la Chiesa, la Sposa di Cristo, su quella pietra angolare che è lo stesso Signore. Ecco un altro movimento della nostra vita: edificare.

Confessare
Terzo, confessare. Noi possiamo camminare quanto vogliamo, noi possiamo edificare tante cose, ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremo una ONG assistenziale, ma non la Chiesa, Sposa del Signore. Quando non si cammina, ci si ferma. Quando non si edifica sulle pietre cosa succede? Succede quello che succede ai bambini sulla spiaggia quando fanno dei palazzi di sabbia, tutto viene giù, è senza consistenza.
Quando non si confessa Gesù Cristo, mi sovviene la frase di Léon Bloy: “Chi non prega il Signore, prega il diavolo”. Quando non si confessa Gesù Cristo, si confessa la mondanità del diavolo, la mondanità del demonio.

papa_francesco_cammina_santa_maria_maggioreCamminare, edificare-costruire, confessare.
Ma la cosa non è così facile, perché nel camminare, nel costruire, nel confessare, a volte ci sono scosse, ci sono movimenti che non sono proprio movimenti del cammino: sono movimenti che ci tirano indietro.

Questo Vangelo prosegue con una situazione speciale. Lo stesso Pietro che ha confessato Gesù Cristo, gli dice: Tu sei Cristo, il Figlio del Dio vivo. Io ti seguo, ma non parliamo di Croce. Questo non c’entra. Ti seguo con altre possibilità, senza la Croce. Quando camminiamo senza la Croce, quando edifichiamo senza la Croce e quando confessiamo un Cristo senza Croce, non siamo discepoli del Signore: siamo mondani, siamo Vescovi, Preti, Cardinali, Papi, ma non discepoli del Signore.

Io vorrei che tutti, dopo questi giorni di grazia, abbiamo il coraggio, proprio il coraggio, di camminare in presenza del Signore, con la Croce del Signore; di edificare la Chiesa sul sangue del Signore, che è versato sulla Croce; e di confessare l’unica gloria: Cristo Crocifisso. E così la Chiesa andrà avanti.

Io auguro a tutti noi che lo Spirito Santo, per la preghiera della Madonna, nostra Madre, ci conceda questa grazia: camminare, edificare, confessare Gesù Cristo Crocifisso. Così sia.

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO, Cappella Sistina, giovedì, 14 marzo 2013

23
Giu
09

Sulle orme di san Paolo a Roma

pellegrinaggio-online

Mancano poco più di 10 giorni alla solenne conclusione dell’Anno Paolino, indetto da Benedetto XVI il 28 giugno 2008, in occasione del Bimillenario della nascita del grande apostolo e che si concluderà il 29 giugno prossimo.

Seguiamo insieme giorno per giorno le sei tappe del pellegrinaggio virtuale che il sito www.paoline.it offre per la conclusione dell’anno paolino.

Il viaggio, e quindi il pellegrinaggio, prima ancora di essere movimento, è un atteggiamento della mente e del cuore ed è proprio di chi cerca, di chi non si accontenta del già sperimentato e del già conosciuto…
Come viandanti iniziamo questo tratto di strada in compagnia di Paolo, un itinerario che inizia domani, 24 giugno e termina il 29!

Ecco le sei tappe:
1. Via Appia Antica: Foro Appio e Tre Taverne – Primo incontro di Paolo con i cristiani di Roma
2. Porta Capena e Porta San Sebastiano – L’arrivo di Paolo a Roma
3. San Paolo alla Regola e Santa Maria in Via Lata – Le case di San Paolo
4. Carcere Mamertino – La sosta, prima del martirio
5. Tre Fontane – Luogo della morte
6. Basilica di San Paolo – sulla via Ostiense – Luogo della sepoltura

(da Paoline.it)

16
Apr
09

Paolo: uomo che vuole fortemente

normal_alberione2008[1]

 

“Paulus, apostololus Jesu Christi”…. Con tale presentazione Paolo definisce bene la sua missione ed anche il suo carattere personale  di uomo che vuole fortemente.
Conquistare il mondo intero è il suo continuo travaglio interno.
E in questo lavoro quotidiano non conosce moderazione.

Beato don Giacomo Alberione, fondatore della Famiglia Paolina

05
Mar
09

Paolo è…

p-0129_san_paolo_cartoline_paoline[1] San Paolo è via:
lo Spirito Santo gli fa scrivere tre volte queste parole: "Imitare me, come io imito Gesù Cristo"
san Paolo è
verità:
egli è il maestro e il dottore, così possiede e comunica il Vangelo che lo chiama "mia Vangelo" e " genera nel Vangelo"
San paolo è
vita:
perchè la sua vita e immedesimata con quella di Gesù Cristo.
(Beato Giacomo Alberione)

22
Gen
09

Paolo dacci un po’ del tuo coraggio

paolo-missionarioPaolo, mi hanno detto che con la cresima
anch’io sono diventato un missionario
che anch’io sono mandato a far conoscere Gesù
a quanti non lo conoscono, o lo conoscono male.
Ma io non mi sento capace.

Paolo, spesso non riesco nemmeno a superare la paura
degli amici e delle amiche che mi prendono in giro
perché vado a messa la domenica,
perché frequento la parrocchia,
perché non dico parolacce e bestemmie
perché non racconto barzellette volgari.

Paolo, come mai questa paura dentro di me?
È vero, sono ancora giovane,
ma quando devo difendere la squadra di calcio
o il mio cantante preferito,
non mi importa se gli altri ridono di me
e mi prendono in giro.
Come mai questa paura?
Eppure dovrei tenere di più a Gesù
che alla mia squadra di calcio…

Paolo, tu che hai girato il mondo
per far conoscere Gesù
senza curarti delle minacce, delle botte,
della prigionia, delle persecuzioni e della morte,
dammi un po’ del tuo coraggio,
quel tanto che basta
per essere cristiano a testa alta.

Sì, cristiani a testa alta, senza vergogna…
So che non basta ma,
almeno per ora,
potrebbe essere il mio modo
di essere missionario
di annunciare Gesù
Tonino Lasconi, Amico Dio, Paoline

12
Nov
08

Paolo e la mia giovane età

paolo_giovane Quanti pensieri contraddittori affollano la mia testa quando pronuncio la parola giovane! È sinonimo di disoccupato e di geniale, fragile e testardo, scansafatiche e generoso, senza fede e molto devoto! Spesso mi trovo a cercare con ciascuno di loro le grandi domande e le grandi risposte! L’Anno Paolino è un’occasione preziosa: va ridato a tutti il vangelo di Paolo «non modellato sull’uomo» (Gal 1,11). È meno questione di pedagogia, dice il Papa, che di messaggio. Così deve averla pensata anche il grande comunicatone della fede: circa 1500 km a piedi in ognuno dei tre viaggi missionari, con molti giovani collaboratori: Luca, Marco, Tichico, Lucio e altri.
Nell’Antico Testamento il senso del termine giovane è spesso negativo: il giovane è uno da correggere, se gli si vuol bene davvero (cfr. Pro 23,13); non ha diritto di parola, come il giovane Geremia (Ger 1,6); appare succube della prova di fede del padre Abramo, come il giovane lsacco (Gn 22); è inconsapevole, come la ragazza sacrificata dal padre Jefte (dr. Gdc 11,34-40); è inesperto nel riconoscere la parola di Dio, come il giovane Samuele (1 Sam 3); è ribelle al padre Davide, come il giovane Assalonne (2Sam 18,32). Anche nel Nuovo Testamento, la parola giovane entra in scena negativamente, nel racconto della lapidazione di Stefano. I testimoni depongono i loro mantelli ai piedi di «un giovane, chiamato Saulo», custode delle loro vesti (dr. At 7,57-58). Saulo è complice di un omicidio. Ai Galati ricorderà il suo feroce passato: perseguitava la Chiesa oltre la misura! (dr. Gal 1,13). Era il giovane che vive sempre sopra le righe perseguitando gli avversari. Così rimarrà anche dopo l’incontro con Gesù, avvenuto intorno ai 25-26 anni. Un estremista, innamorato di Cristo! Ricorderà teneramente l’iniziativa di Dio: «Colui che mi scelse fin dal seno di mia madre» (Gal 1,15). Non possiamo non rifarci a san Paolo, che rilancia il carisma del giovane Timoteo con queste parole: «Nessuno disprezzi la tua giovane età, ma sii esempio ai fedeli nelle parole, nel comportamento, nella carità, nella fede, nella purezza» (1Tm 4,12). Una giovinezza ideale e reale, che nasce dall’alto, dal Signore crocifisso e risorto, come riassunse don Primo Mazzolari nel dopoguerra: «Non a destra, non a sinistra, non al centro, ma in alto» (editoriale di Adesso del 15 febbraio 1949). E aggiungeva, riferendosi a san Paolo: «Come ieri per la salvezza non contava il circonciso né l’incirconciso, così oggi non conta l’uomo di destra né l’uomo di sinistra, ma solo la nuova creatura (cfr. Gal 6,15): la quale lentamente e faticosamente sale una strada segnata dalle impronte di Colui che, arrivato in alto, si è lasciato inchiodare sulla croce a braccia spalancate per dar la mano forata a tutti gli uomini e costruire il vero arco della Pace».
Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Castellaneta (TA), da Paulus, n.5 novembre 2008

13
Ott
08

Il segreto di san Paolo: la vita interiore

radici_albero Perché San Paolo è così grande?
Perché compì tante opere meravigliose?
Perché anno per anno i suoi insegnamenti, il suo apostolato, la sua missione nella Chiesa di Gesù Cristo vengono sempre più conosciuti, ammirati e celebrati?
San Paolo è uno di quei santi che giorno per giorno ringiovaniscono e dominano e conquistano: perché?
Il perché va ricercato nella sua vita interiore.
È qui il segreto.
I palloni pieni di aria, gonfi, in un giorno svaniscono, si vuotano, ma quando vi è la ricchezza, quando vi è la vera dottrina, quando vi sono i veri meriti, quando vi è la vera vita interiore, si diventa germe.
La pianta rimane qualche tempo nascosta perché tutto è chiuso in un embrione, messa sotto terra. Ma quando l’embrione si sviluppa, il germe si manifesta prima in una pianticella, poi in un ramoscello, quindi in una grande magnifica pianta. Ebbene l’apostolo Paolo era di grande vita interiore.

Beato Giacomo Alberione




La bella notizia

Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,993 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: