Archive for the 'GMG 2008 -Sydney' Category

31
Lug
08

Il dono della GMG. Un testimone: don Nico

GMG 2008 - Sydney E’ stato un grande dono poter vedere l’Australia: la meravigliosa baia di Sydney, i canguri, le (o gli) echidna e i koala.
Sono un dono le parole del Santo Padre che ha invitato i giovani e tutti noi ad una missione grande ed entusiasmante: essere “costruttori di una nuova era”.
E’ stato un dono accostarmi al Sacramento della Riconciliazione in Hyde Park e sentire le parole di incoraggiamento di un confratello polacco molto fervoroso.
Una sera mi sono ritrovato ad avere fame e dover chiedere qualcosa da mangiare a un pellegrino; inizialmente mi vergognavo, stavo per dirigermi verso il McDonald’s; ho resistito ed un giovane messicano mi ha regalato un panino ed uno splendido sorriso.
È stato un dono il freddo della notte all’addiaccio a Randwich; mi ha ricordato che abbiamo paura di tante cose che in fondo poi non sono così pericolose.
Sono un dono i confratelli che mi hanno messo di fronte ad alcuni errori e comportamenti che ho compiuto; senza queste correzioni fraterne è più difficile crescere.
Sono un dono gli imprevisti, i cambiamenti di programma; in essi la Provvidenza può operare; ho trascorso una mattinata intera all’Opera House a ritirare dei pass; ero arrabbiato perché ho dovuto rinunciare ad andare ad una catechesi italiana; all’Opera House, alle 11.00 ho partecipato ad una catechesi e ad una S. Messa latinoamericana straordinaria… se tutto fosse perfettamente programmato non sarebbe “Gmg” e molte situazioni risulterebbero più noiose…

Leggi tutto >>> http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrow.aspx/GMG2008-Sydney/IldonodellaGMG-Sydney2008.pdf

da AgoràNews n.32 anno II, 31 luglio 2008

20
Lug
08

Rimanere fedeli al “sì” – GMG 2008

madre della tenerezza Cari giovani amici,
ci apprestiamo ora a recitare insieme la bella preghiera dell’Angelus.  In essa rifletteremo su Maria, giovane donna in colloquio con l’angelo che la invita a nome di Dio ad una particolare donazione di se stessa, della propria vita, del proprio futuro di donna e di madre…

L’angelo comprese la sua ansia e immediatamente cercò di rassicurarla: “Non temere, Maria… Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra lapotenza dell’Altissimo” (Lc 1, 30, 35).
Fu lo Spirito a darle la forza e il coraggio di rispondere alla chiamata del Signore.
Fu lo Spirito ad aiutarla a comprendere il grande mistero che stava per compiersi per mezzo di lei.
Fu lo Spirito che la avvolse con il suo amore e la rese capace di concepire il Figlio di Dio nel suo grembo.

Questa scena costituisce forse il momento cardine nella storia del rapporto di Dio con il suo popolo…
Nel messaggio dell’angelo, era Dio ad avanzare una proposta di matrimonio con l’umanità. E a nome nostro, Maria disse di sì

Cari giovani, anche noi dobbiamo rimanere fedeli al “sì” con cui abbiamo accolto l’offerta di amicizia da parte del Signore. Sappiamo che egli non ci abbandonerà mai. Sappiamo che Egli ci sosterrà sempre con i doni dello Spirito. Maria ha accolto la “proposta” del Signore a nome nostro. Ed allora, volgiamoci a lei e chiediamole di guidarci nelle difficoltà per rimanere fedeli a quella relazione vitale che Dio ha stabilito con ciascuno di noi. Maria è il nostro esempio e la nostra ispirazione; Ella intercede per noi presso il suo Figlio, e con amore materno ci protegge dai pericoli.

Omelia di Benedetto XVI ai giovani della GMG, Angelus, Sydney 20 luglio 2008

http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrowdetail.aspx/GMG2008-Sydney/GMG2008-Angelus.pdf

20
Lug
08

“Aprite il vostro cuore alla forza dello Spirito…” – GMG 2008

507HR[1] “avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi” (At 1,8).  Abbiamo visto realizzata questa promessa! …
La forza dello Spirito non cessa mai di riempire di vita la Chiesa! …

Tuttavia questa forza, la grazia dello Spirito, non è qualcosa che possiamo meritare o conquistare; possiamo solamente riceverla come puro dono. L’amore di Dio può effondere la sua forza solo quando gli permettiamo di cambiarci dal di dentro. Noi dobbiamo permettergli di penetrare  nella dura crosta della nostra indifferenza, della nostra stanchezza spirituale, del nostro cieco conformismo allo spirito di questo nostro tempo. Solo allora possiamo permettergli di accendere la nostra immaginazione e plasmare i nostri desideri più profondi. Ecco perché la preghiera è così importante: la preghiera quotidiana, quella privata nella quiete dei nostri cuori e davanti al Santissimo Sacramento e la preghiera liturgica nel cuore della Chiesa. Essa è pura ricettività della grazia di Dio, amore in azione, comunione con lo Spirito che dimora in noi e ci conduce, attraverso Gesù, nella Chiesa, al nostro Padre celeste. Nella potenza del suo Spirito, Gesù è sempre presente nei nostri cuori, aspettando quietamente che ci disponiamo nel silenzio accanto a Lui per sentire la sua voce, restare nel suo amore e ricevere la “forza che proviene dall’alto”, una forza che ci abilita ad essere sale e luce per il nostro mondo.

Cari giovani, permettetemi di farvi ora una domanda.
– Che cosa lascerete voi alla prossima generazione?
– State voi costruendo le vostre esistenze su fondamenta solide, state costruendo qualcosa che durerà?
– State vivendo le vostre vite in modo da fare spazio allo Spirito in mezzo ad un mondo che vuole dimenticare Dio, o addirittura rigettarlo in nome di un falso concetto di libertà?
– Come state usando i doni che vi sono stati dati, la “forza” che lo Spirito Santo è anche ora pronto a effondere su di voi?
– Che eredità lascerete ai giovani che verranno?
– Quale differenza voi farete?…

Cari giovani amici, il Signore vi sta chiedendo di essere profeti di questa nuova era, messaggeri del suo amore, capaci di attrarre la gente verso il Padre e di costruire un futuro di speranza per tutta l’umanità.

Omelia di Benedetto XVI ai giovani della GMG, Celebrazione Eucaristica, Sydney 20 luglio 2008

http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrowdetail.aspx/GMG2008-Sydney/GMG2008|_OmeliadiBenedettoXVI.pdf

19
Lug
08

“Credi a ciò che Dio sussurra al tuo cuore” – GMG 2008

Papa_Giovani_USA190408_FN1[1]"… Cari giovani, non è forse a causa della vostra fede che amici in difficoltà o alla ricerca di senso nella loro vita si sono rivolti a voi? Siate vigilanti! Sappiate ascoltare! Attraverso le dissonanze e le divisioni del mondo, potete voi udire la voce concorde dell’umanità? Dal bimbo derelitto di un campo nel Darfur ad un adolescente turbato, ad un genitore in ansia in una qualsiasi periferia, o forse proprio ora dalle profondità del vostro cuore, emerge il medesimo grido umano che anela ad un riconoscimento, ad un’appartenenza, all’unità. Chi soddisfa questo desiderio umano essenziale ad essere uno, ad essere immerso nella comunione, ad essere edificato, ad essere guidato alla verità? Lo Spirito Santo! Questo è il suo ruolo: portare a compimento l’opera di Cristo. Arricchiti dei doni dello Spirito, voi avrete la forza di andare oltre le visioni parziali, la vuota utopia, la precarietà fugace, per offrire la coerenza e la certezza della testimonianza cristiana! …

L’amore è il segno della presenza dello Spirito Santo! Le idee o le parole che mancano di amore – anche se appaiono sofisticate o sagaci – non possono essere “dello Spirito”. Di più: l’amore ha un tratto particolare; lungi dall’essere indulgente o volubile, ha un compito o un fine da adempiere: quello di permanere. Per sua natura l’amore è durevole. Ancora una volta, cari amici, possiamo gettare un ulteriore colpo d’occhio su quanto lo Spirito Santo offre al mondo:
amore che dissolve l’incertezza;
amore che supera la paura del tradimento;
amore che porta in sé l’eternità;
il vero amore che ci introduce in una unità che permane! …

Invochiamo lo Spirito Santo: è lui l’artefice delle opere di Dio (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 741). Lasciate che i suoi doni vi plasmino! Come la Chiesa compie lo stesso viaggio con l’intera umanità, così anche voi siete chiamati ad esercitare i doni dello Spirito tra gli alti e i bassi della vita quotidiana. Fate sì che la vostra fede maturi attraverso i vostri studi, il lavoro, lo sport, la musica, l’arte. Fate in modo che sia sostenuta mediante la preghiera e nutrita mediante i Sacramenti, per essere così sorgente di ispirazione e di aiuto per quanti sono intorno a voi. Alla fine, la vita non è semplicemente accumulare, ed è ben più che avere successo. Essere veramente vivi è essere trasformati dal di dentro, essere aperti alla forza dell’amore di Dio. Accogliendo la potenza dello Spirito Santo, anche voi potete trasformare le vostre famiglie, le comunità, le nazioni. Liberate questi doni! Fate sì che sapienza, intelletto, fortezza, scienza e pietà siano i segni della vostra grandezza!

discorso di Benedetto XVI ai giovani della GMG, Veglia di preghiera, Sydney 19 luglio 2008

http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrowdetail.aspx/GMG2008-Sydney/GMG2008-vegliadipeghiera.pdf

18
Lug
08

“Scegli dunque la vita” – GMG 2008

giovani_messina

“…Che cosa vuole realmente dire essere “vivo”, vivere appieno la  vita? È questo ciò che tutti vogliamo, specialmente in gioventù, ed è questo che Cristo vuole per noi. Infatti, egli ha detto: “Sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10, 10)…

Un luminoso esempio di che cosa vuol dire allontanarsi dalla via della morte per incamminarsi sulla via della vita lo troviamo in una pagina del Vangelo che, ne sono sicuro, tutti voi conoscete bene: la parabola del figliol prodigo. ..

Cari amici, vedo in voi degli ambasciatori di speranza per quanti si trovano in situazioni simili. Voi potete convincerli della necessità di scegliere la via della vita e di rifuggire dalla via della morte, perché parlate in base all’esperienza. In tutti i Vangeli, sono coloro che hanno operato scelte sbagliate ad essere particolarmente amati da Gesù, perché, quando si sono resi conto del loro errore, si sono aperti più degli altri alla sua parola risanatrice. … Potete essere certi che, proprio come il Padre del racconto del figliol prodigo, Gesù vi accoglie a braccia spalancate. Vi offre il suo amore incondizionato: ed è nella profonda amicizia con lui che si trova la pienezza della vita.

Cari giovani amici, il messaggio che oggi rivolgo a voi è lo stesso che Mosè formulò tanti anni or sono. “ perché tu e la tua discendenza possa vivere, amando il Signore tuo Dio”. Il suo Spirito vi guidi sulla via della vita, per obbedire ai suoi comandamenti, seguire i suoi insegnamenti, abbandonare le scelte sbagliate che portano solo alla morte, e impegnarvi per tutta la vita nell’amicizia con Gesù Cristo. Con la forza dello Spirito Santo, scegliete la vita e scegliete l’amore, e siate testimoni davanti al mondo della gioia che ne scaturisce. Questa è la mia preghiera per ciascuno di voi in questa Giornata Mondiale della Gioventù. Dio vi benedica tutti.

Discorso di Benedetto XVI – Incontro con i giovani della comunità di recupero dell’università Notre Dame di Sydney, 18 luglio 2008  

http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrowdetail.aspx/GMG2008-Sydney/GMG2008-IncontroconGiovanicomunit%c3%a0recupero-DiscorsodiBenedettoXVI-.pdf

17
Lug
08

Cristo offre di più! Anzi, offre tutto! – GMG 2008

fotocentrale[1]

  "… Cari amici, la vostra personale esistenza è stata voluta da Dio, benedetta da lui e ad essa è stato dato uno scopo (cfr Gn 1,28)! La vita è una ricerca del vero, del bene e del bello. Proprio per tale fine compiamo le nostre scelte, esercitiamo la nostra libertà e in questo, cioè nella verità, nel bene e nel bello, troviamo felicità e gioia.

Non lasciatevi ingannare da quanti vedono in voi semplicemente dei consumatori in un mercato di possibilità indifferenziate, dove la scelta in se stessa diviene il bene, la novità si contrabbanda come bellezza, l’esperienza soggettiva soppianta la verità.

Cristo offre di più! Anzi, offre tutto! Solo lui, che è la Verità, può essere la Via e pertanto anche la Vita. Così la “via” che gli Apostoli recarono sino ai confini della terra è la vita in Cristo. È la vita della Chiesa. E l’ingresso in questa vita, nella via cristiana, è il Battesimo…

Cari amici, a casa, a scuola, all’università, nei luoghi di lavoro e di svago, ricordatevi che siete creature nuove. Come cristiani, voi siete in questo mondo sapendo che Dio ha un volto umano – Gesù Cristo – la “via” che soddisfa ogni anelito umano, e la “vita” della quale siamo chiamati a dare testimonianza, camminando sempre nella sua luce . Il compito di testimone non è facile. Vi sono molti, oggi, i quali pretendono che Dio debba essere lasciato “in panchina” …"

Dal discorso di Benedetto XVI ai Giovani, 
Festa di accoglienza dei giovani, Brangaroo di Sydney, 17 luglio 2008  

http://cid-d00ce2849896a930.skydrive.live.com/embedrowdetail.aspx/GMG2008-Sydney/GMG2008-Festadiaccoglienza-DiscorsodiBenedettoXVI.pdf




La bella notizia

Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,993 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: