Posts Tagged ‘giovani

06
Feb
14

Tutto per il Vangelo

apostoli e apostole protagonisti autentici ed efficaci dell’ANNUNCIo

«Noi cristiani non siamo scelti dal Signore per cosine piccole; andate sempre al di là, verso le cose grandi. Giocate la vita per grandi ideali!» Papa Francesco ai giovani (28 aprile 2013).

Don Alberione continuerebbe a ripetere anche oggi:

«Nessuna più grande ricchezza si può dare a questo mondo se non Gesù Cristo. Il mondo ha bisogno di Gesù Cristo Via, Verità e Vita».

Dal 5 febbraio, 50° anniversario della morte di Maestra Tecla, cofondatrice delle Figlie di San Paolo, è online il sito www.tuttoperilvangelo.it, realizzato dalle Paoline della Provincia italiana, con l’obiettivo di far conoscere la vocazione paolina ai nostri contemporanei, in particolare alle nuove generazioni, e di suscitare in loro il desiderio di accostarsi al carisma paolino e di comunicare Cristo nell’era digitale.

 

Io, giovane studentessa di scienze della comunicazione, ho conosciuto le Figlie di San Paolo in un laboratorio radiofonico. Ma allora è possibile?! Mi sono chiesta… È possibile mettere la propria competenza, creatività, entusiasmo a servizio del Vangelo, di un Dio che pervade, me lo sentivo, tutte le realtà della vita, anche la cultura, il mio tempo di svago sui social networks. È possibile una società diversa dove il fine e il senso non sta nel potere o nel denaro ma che vuole e cerca di volare alto. Questo mi ha attratto: suore adulte, che ho scoperto a poco a poco profondamente radicate nella Scrittura e nell’adorazione, in grado di parlare i linguaggi di tutte le età e di tutte le nazioni per essere a SERVIZIO di Gesù e dell’uomo.

Suor Veronica, 30 anni, Palermo

Veronica si è messa in gioco, e TU giovane?

Visita il nostro sito: www.tuttoperilvangelo.it

e seguici sui Social Network

Facebook
Twitter
Google+
Youtube

 

È un’occasione preziosa per condividere, riflettere, pregare, interrogarsi sul senso della propria vita e sul futuro con Dio, sicuri che con Gesù vicino «avremo la gioia nel cuore, e un sorriso sulle labbra» (papa Francesco).

23
Ago
13

L’ARTE della PAUSA – Un minuto per me

Per vivere bene il nostro quotidiano, rimanere in contatto con la nostra anima e ritemprare le nostre forze, è importante imparare creare delle pause rigeneranti

L'arte della pausa - un minuto per me

 

Se l’accelerazione è il problema
e la causa della mancanza di tempo,
la soluzione deve essere rallentare.

La vita quotidiana ci offre
molte occasioni di eseguire
con maggiore attenzione certi processi.
Si tratta soprattutto
di essere più consapevoli
delle nostre azioni.

Il vantaggio della lentezza sta
nello sperimentare di più,
perché è questo che cerchiamo davvero nel profondo
del «sempre di più».
Rallentando introduciamo concretamente
la spiritualità nella nostra vita.

Il raccoglimento, il silenzio, la pausa
sono tempo per l’anima
e si possono praticare in varie forme
durante il lavoro quotidiano.
La parola «pausa» viene dal greco « anapausis »
che significa riposo, respiro di sollievo,
interruzione, relax, ozio.

»»» vai al testo completo

22
Lug
13

GMG 2013. Tutti a Rio con un click!

Start! Tutti a Rio attiva il primo link! 23 luglio: Un cammino tutto da vivere Un cammino tutto da vivere Sete di speranza, sete di Dio Una via per la felicità Varcando la porta della fede Una Parola disturbante Missionari...andate! Tutti a Rio a costo zero!_ Itinerario
  «Andate e fate discepoli tutti i popoli» Mt 28,19
 

Si parte carissimi amici!!!

Un click ci unisce al Brasile, ai giovani di tutto il mondo che incontreranno Papa Francesco, all’entusiasmo di una fede condivisa e confermata, alla testimonianza gioiosa di Gesù Cristo che in questi giorni esploderà anche nella rete.
E noi, con voi ci saremo!
 
Vi proponiamo un percorso quotidiano da vivere insieme, nel web, dal 22 al 28 luglio.
Ogni giorno preghiera, riflessioni, collegamenti con il Brasile, video-catechesi, condivisione e un’importante esperienza di evangelizzazione nel web da vivere insieme.
Cliccando sui titoletti attivi sarai riportato ai contenuti corrispondenti, aggiornati in tempo reale.
Seguici passo dopo passo!
 

Un cammino tutto da vivere

Tutti in cammino, pellegrini! Il viaggio della fede ha bisogno di noi per iniziare
ore 8.30:  In pellegrinaggio – la preghiera del giorno
ore 10.30: Il volto nuovo della Chiesa brasiliana – video testimonianze dei fondatori di nuove comunità
ore 15.00: Italia chiama Brasile – collegamento streaming su Cantalavita e Pope-up
ore 17.00: Musica e fede per una fede a prova di storia
ore 19.00: Passi nella fede: catechesi in streaming
 
 

25 Luglio – speciale EVANGELIZZAZIONE!
Oltre al consueto programma è prevista

dalle 21.00 alle 24.00
l’evangelizzazione online
Chi lo desidera potrà essere con noi un evangelizzatore.

Il come e i dettagli per la partecipaziione  
 

Seguici sui nostri social
in tempo reale potrai condividere, scaricare, commentare i nostri post-it, le foto, la preghiera, le catechesi e quanto lo Spirito ci suggerirà.
Su facebook:

I nostri siti:
 
 
 

Per informazioni:

suor Mariangela Tassielli, fsp m.tassielli@paoline.it
>>> seguici giorno per giorno nella rubrica

27
Giu
13

Tutti a Rio a costo zero! gMG 2013

Dedicato a chi vivrà la GMG dal web

Come vivere la GMG 2013 se non si può andare in Brasile? Facile! Seguendo sul web l’itinerario Tutti a Rio a costo zero! è possibile accogliere l’invito rivolto dal Papa a tutti i giovani, vivendolo in prima persona  e sperimentando una nuova modalità di evangelizzazione.

Tutti a Rio a costo zero!

è un pacchetto speciale: dà la possibilità a tutti di arrivare a Rio, di prepararsi a quell’evento di grazia, di viverne la missionarietà che propone.

Vangelo, testimonianze, preghiera, riflessioni, catechesi, dirette streaming dal Brasile, tutto questo in un unico grande progetto che vede coinvolti un gruppo di giovani italiani e brasiliani, laici impegnati nell’evangelizzazione attraverso le nuove tecnologie, alcune suore Figlie di San Paolo dall’Italia e una suora Apostolina dal Brasile: tutti accomunati dalla stessa fede, dalla passione per la comunicazione e da un’irrefrenabile voglia di far correre il Vangelo nel web.

Tre tappe

per preparare il cuore e iniziare a coinvolgere i nostri amici:

Mandati perché amati

in cammino con Maria Maddalena

Chiamati ad annunciare

in cammino con Paolo

Sostenuti dallo Spirito

in cammino con Giovanni, Pietro e Tommaso

Il nostro è un continuo andare, come il tema stesso della Giornata Mondiale ci invita a fare (“Andate e fate discepoli tutti i popoli” Mt 28,19): siamo chiamati a muoverci da queste pagine ai social network, per arrivare alla nostra vita quotidiana e ravvivare la gioia di un incontro unico con Gesù Cristo.

Tutti a Rio!

i link, gli appuntamenti, gli eventi, i consigli per vivere con noi, dal web, Rio 2013

Vi aspettiamo on line!!!
>>>
per saperne di più

>>>  suor Mariangela Tassielli

20
Giu
13

Per essere discepoli del Cristo

12a Domenica – Tempo Ordinario – Anno C

Seguire Cristo comporta alcune condizioni, che vanno ben comprese in profondità, al di là delle apparenze, come il coraggio di “prendere la propria croce”.

Letture: Zc 12, 10-11; 13,1; Sal 62; Gal 3,26-29; Lc 9,18-24

Dopo un breve sondaggio su ciò che le folle pensano di lui, dagli esiti di per sé molto lusinghieri (“Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto”), ma assolutamente insufficienti, Gesù, per bocca di Pietro, ottiene dai suoi discepoli la risposta giusta: “Tu sei il Cristo di Dio”.

“Cristo” per noi è una parola usurata, di scarso significato, abbinata a Gesù come se ne fosse il cognome. Per i suoi discepoli, come per tutti gli ebrei, il Cristo è l’unto del Signore, il Messia, colui che Dio ha promesso per liberare il suo popolo; colui al quale tutti guarderanno come il serpente innalzato da Mosè nel deserto per avere salvezza (Prima lettura).

I discepoli, però, come tutti gli ebrei, pensano a un Messia glorioso.Gesù lo a bene. Per questo cerca di far cambiare idea ai suoi amici, rivelando di essere l’esatto contrario di ciò che pensano, cioè il Figlio dell’uomo, l’inviato di Dio messo a morte, che “deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno”.

Fatta questa rivelazione, che i discepoli accetteranno soltanto dopo la risurrezione, Gesù espone le condizioni per diventare suoi discepoli.

La prima è:Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso”.

Rinnegare se stesso! Non suona bene alle nostre orecchie. Sa di svuotamento delle proprie potenzialità umane, di rinuncia alla bellezza e alla gioia della vita, di rassegnazione a essere non protagonisti, ma panchinari.
Il significato non può essere questo, perché Gesù ha vissuto una vita buona, positiva, coraggiosa, da protagonista. E anche bella: si è circondato di amici e amiche; ha gradito inviti a pranzo e l’ospitalità; ha ammirato le cose belle del creato.
Rinnegare se stesso significa rinunciare all’illusione di essere i padroni di se stessi; di poter mangiare dall’albero proibito, decidendo autonomamente il bene e il male nell’illusione di diventare dio.

Rinnegare se stesso significa abbandonare l’egocentrismo e l’egoismo per evitare di ritrovarsi nudi e vergognosi in mezzo agli alberi del giardino.
Rinnegare se stesso significa uscire fuori dalla meschinità del proprio egoismo per mettere, come Gesù, i doni di Dio a servizio di tutti i suoi figli, affinché, al di là delle differenze di sesso (né uomo né donna), di cultura e di religione (né giudeo né greco), di condizione sociale (né schiavo né libero) tutti diventino uno nel Figlio.

La seconda:Se qualcuno vuol venire dietro a me, prenda la sua croce”.

Prendere la croce… Di fronte a questa condizione, le sensazioni diventano anche più preoccupate, perché si pensa subito alla croce del calvario, intesa come sconfitta e accettazione passiva della sofferenza, o addirittura come punizione. E’ questa interpretazione che ha dato origine a modi di dire tristemente diffusi tra i cristiani: “Mi è capitata questa croce…”, “il Signore mi ha mandato questa croce…”; o peggio: “Cosa ho fatto per meritare questa croce?”.
Gesù non era ancora finito sulla croce, perciò questa non è la croce del calvario. Inoltre Gesù non dice: “Prenda la mia croce”, ma “la sua”, quella di ciascuno.

>>> vai al testo completo

23
Apr
13

FATTI di DIO. Percorso di fede con i ragazzi

Ripercorrendo i nuclei fondamentali del Credo, questo progetto aiuta i ragazzi a scoprire la fede come itinerario di vita e di relazione con sé stessi, con gli altri e con Dio.

Fatti di Dio - presentazione Fatti di Dio Fatti di Dio

 

Caro animatore, desideriamo proporti la sintesi e alcuni “assaggi” di un itinerario per accompagnare i tuoi ragazzi a riscoprire e ravvivare la propria fede: un cammino personale e di gruppo fatto di musica,dinamiche di gruppo, ascolto della Parola, riflessione, preghiera, azione e tanto altro. Questa proposta è tratta dal sussidio “Fatti di Dio”, che comprende una serie di schede per i ragazzi e un libretto-guida per gli animatori, corredato da un CD con percorsi musicali e varie risorse in formato pdf.

Il percorso è articolato in cinque step, ciascuno dei quali riprende i nuclei fondamentali del Credo:

– Credo in me. Obiettivo: Imparare a fidarsi

– Credo in Dio Padre. Obiettivo: Conoscere Dio da vicino

– Credo in Gesù Cristo. Obiettivo: Conoscere Gesù

– Credo nello Spirito Santo. Obiettivo: Imparare a sentire la presenza operante dello Spirito in noi

– Credo la Chiesa.  Obiettivo: Crescere nella consapevolezza di essere membra di un corpo cui è aggiunta una sezione extra: Conoscere la Bibbia, in forma di schede di apprfondimento.

Ogni singolo step o unità prevede una serie di temi, obiettivi, proposte, schede, brani musicali, modulati in cinque forme di attività:

1. Dinamiche di gruppo:

attività attraverso le quali introdursi nelle tematiche di ogni step, favorendo un clima di partecipazione e di interattività; prevedono sempre un ascolto-confronto con passi biblici. Utile in questa fase, provocare e accogliere domande forti sulla vita di fede.

Ecco un “assaggio” delle dinamiche dello step 1, tratto dalla scheda:
Io sono un dono prezioso

“… Alla scoperta dei talenti

È ora il momento di andare più in profondità, introducendo i “talenti”, doni ricevuti, da far fruttificare.
Chiedete ai ragazzi di provare a definire cos’è un talento, magari partendo dai loro hobby e focalizzando l’attenzione sulle qualità che ognuno ha. Si potrebbe stimolare la condivisione partendo dai doni degli altri per arrivare poi a quelli personali.
A questo punto fate disporre i ragazzi in cerchio e colloca al centro due cartelloni, di due diversi colori (uno per i pregi e uno per i difetti). Su alcuni post-it i ragazzi dovranno scrivere i pregi e i difetti che più li caratterizzano e dovranno poi attaccarli sui relativi cartelloni. Per facilitare la dinamica si possono porre le seguenti domande:

– Quali sono le tue qualità principali (secondo te e secondo gli altri)?
– Quali sono i tuoi difetti principali (secondo te e secondo gli altri)?
– Quali qualità ti piacerebbe avere?
– Quali talenti stimi negli altri?

Successivamente, si propone al gruppo la lettura e la riflessione della Parabola dei talenti, tratta dal Vangelo di Matteo (25,14-29), sottolineando i seguenti termini:…”

2. Lettura biblica
Strettamente connessa alle dinamiche di gruppo, alcune schede riportano, oltre alla lettura biblica, anche indicazioni operative per orientare il lavoro richiesto ai ragazzi, personalmente o in gruppo. Sono state pensate per un loro coinvolgimento immediato e un progressivo avvicinamento al testo biblico.

Un “assaggio” delle letture dello step 2, tratto dalla scheda:
Con Geremia, il Dio dell’amicizia

Dal libro di Geremia (Ger 1,4-10)

Parole di Geremia: «Mi fu rivolta questa parola del Signore: “Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato; ti ho stabilito profeta delle nazioni”. Risposi: “Ahimè, Signore Dio!

Ecco, io non so parlare, perché sono giovane”. Ma il Signore mi disse: “Non dire: “Sono giovane”. Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò e dirai tutto quello che io ti ordinerò. Non aver paura di fronte a loro, perché io sono con te per proteggerti”.

 

3. Percorso musicale
Ogni step prevede un approfondimento attraverso l’ascolto di tre brani, i cui testi permettono di avvicinare la tematica affrontata alla vita e alle scelte dei ragazzi.

Un “assaggio” dal percorso musicale dello step 3, tratto dalla scheda:
E tu, chi dici che io sia?

 

4. Un’esperienza da vivere

Nasce per essere una dinamica conseguente al percorso musicale. Punta ad aiutare un0interiorizzazione e concretizzazione dell’intero percorso proposto in ogni step.

Un “assaggio” di esperienza proposta nello step 4, tratto dalla scheda:

Talenti come note

5. Pregando imparo a credere

La preghiera è stata pensata per essere una sintesi orante dei contenuti proposti negli step. Può essere valorizzata per introdursi in ogni tappa, così come per concluderla. Efficace sarebbe suggerire ai ragazzi di pregarla personalmente, ogni giorno, per tutta la durata del singolo step.

Un “assaggio” di preghiera proposta nello step 5, tratto dalla scheda:
Noi, la tua Chiesa

Appendice: Conoscere la Bibbia

Una serie di schede, a cura di sr Filippa Castronovo, da utilizzare liberamente durante tutto il percorso, per conoscere e aiutare a conoscere la Bibbia, i cui temi sono:

 

1. la Parola di Dio
2. Accenni di una storia
3. Come si sono formati i libri dell’Antico Testamento
4. Come si è formato il Nuovo Testamento
5. Le abbreviazioni bibliche
6. Brevi annotazioni sui vangeli
7. La Palestina al tempo di Gesù
8. come è giunta a noi la Bibbia?

>>> vai al testo completo

16
Apr
13

Gesù, amico dei giovani

O Signore, Dio dell’amore e sempre giovane, fa’ che «non ci vergogniamo del Vangelo».
Donaci di essere comunicatori disinibiti e forti della bellezza di essere cristiani; fa’ che la nostra vita gridi la più bella notizia del mondo

«Dopo tre giorni trovarono (Gesù) nel tempio,
seduto in mezzo ai maestri mentre
li ascoltava e li interrogava.
E tutti… erano pieni di stupore
per la sua intelligenza e le sue risposte» (Lc 2,46-47).

DSC02899Gesù, amico dei giovani,
tu hai vissuto gli anni ardenti
della tua giovinezza,
la stagione dei progetti,
«occupato nelle cose del Padre»,
immerso nei giorni intensi della vita.

Apri o Signore, la nostra mente,
alla scuola della tua Parola,
per una ricerca appassionata di verità
che illumina di senso e di luce
il percorso affascinante e impervio
del nostro tempo.

Apri il nostro cuore
all’ascolto della tua Parola,
per avvertire l’ardore
di un amore vero e più forte
verso tutti coloro che tu ci fai
incontrare sulla nostra strada:
soprattutto verso i nostri amici
smarriti e confusi nel buio
del loro mondo interiore.

Apri i nostri occhi
perché sappiamo discernere
i segni del tempo che ci doni
e le attese espresse o nascoste
dell’uomo di questo millennio,
già stanco nel disincanto
delle speranze deluse.

Apri le nostre mani, perché
forti della tua grazia
diventiamo operai della tua pace,
donne e uomini delle cose concrete
al servizio del Regno
nel cuore di questa storia.

O Gesù, amico dei giovani,
liberaci dal fascino ambiguo
degli idoli muti, che promettono gioia
e seminano tristezza e noia
sui ruderi dei nostri sogni;
liberaci dalla ricorrente tentazione
delle basse quote, di un sentire diffuso
che genera scontento e disagio.

DSC05164O Signore, Dio dell’amore
e sempre giovane, fa’ che
«non ci vergogniamo del Vangelo».
Donaci di essere comunicatori
disinibiti e forti della bellezza
di essere cristiani;
fa’ che la nostra vita gridi
la più bella notizia del mondo:
che Tu sei la nostra vita,
il nostro volto, la nostra felicità,
il nostro destino.
Enrico Masseroni, Ti benedico, Signore. Preghiere alla scuola della Parola, Paoline




Festa dell’accoglienza: il granello di senape

Inizio anno catechistico-pastorale

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Banco editoriale Paoline

Miglioriamo la QUALITA' della vita...

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al blog "La Bella Notizia" e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.445 follower

Immagine & Parola AVVENTO anno B

AVVENTO anno B

da Instagram

📖 🔥 🔥 Una #catechesi completa sullo #SpiritoSanto, con applicazioni pastorali attuali e aderenti alle esperienze dei #giovani, ma non soltanto. Sono spiegati i #simboli che lo raffigurano, i riferimenti all’Antico e al Nuovo Testamento, la sua azione nella #Chiesa... #Pentecoste #paoline #paolinestore - http://www.paolinestore.it/shop/lo-spirito-santo-5935.html 🎧 Per la #canonizzazione dei #pastorelli di #Fatima, Francesco e Giacinta (13 maggio 2017), proponiamo uno sceneggiato radiofonico a puntate, ogni mattina dal 6 al 12 maggio per ricordarli 👍 👂http://www.paoline.it/blog/spiritualita/1663-i-100-anni-di-fatima-una-storia-da-ascoltare.html#ascoltafatima Tonino Lasconi, Il grande rompi 2, Paoline  2015 Alessandro  Meluzzi, La vergogna. Un'emozione antica, Paoline 201
Follow La Bella Notizia on WordPress.com

Archivio

Statistiche

  • 269,795 hits

Blog che seguo


rigantur mentes

La rosa è senza perché: fiorisce perché fiorisce, a se stessa non bada, non chiede d’esser veduta. (A. Silesio)

La Bella Notizia

"io so in chi ho messo la mia speranza"

Vogue Pills Fashion

By Nayla C - fashion - beauty - lifestyle

"Semplicemente insieme" lucetta ed elena

L'amicizia raddoppia le gioie e divide le angosce a metà

La Bottega del Vasaio

a cura di don Cristiano Mauri

Uscite, popolo mio, da Babilonia

Un blog per osservare l'Apocalisse del presente e il presente dell'Apocalisse

VIAGGIO VERSO CIELI LIMPIDI

La vita è bella comunque e a prescindere!

il BLOG di ScegliGesù.com

è il momento di prendere una posizione!

Un mondo a parte

il mondo smette di sorridere...quando tu non sorridi più...

Racconti di Laura

Carezze per l'anima

Seme di salute

per la buona salute e la buona novella

GLOBULI ROSSI COMPANY

Compagnia dei Globuli Rossi: SCHIENE A DISPOSIZIONE DI DIO: - "Portate i pesi gli uni degli altri" (Fil 2,4) - “Va' e anche tu fa' lo stesso”. (Lc 10,37)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: